hamburger menu

Al via la convention di FdI. Meloni: “Trasformiamo un’epoca infame nel nuovo Risorgimento”

Al MiCo Center è partita la tre giorni di conferenza programmatica del partito

meloni convention fdi

MILANO – “Libertà, indipendenza e crescita: sono queste le tre parole d’ordine che abbiamo scelto”. Così la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, nel corso del suo intervento durante la conferenza programmatica del partito. Al Milano convention center si svolge la tre giorni di FdI, in cui interverranno esponenti del partito, imprenditori, economisti e anche “ospiti” come il sindaco Beppe Sala, presente nel giorno di apertura della convention. E attacca chi ritiene non abbastanza preparata la classe dirigente del suo partito: “Con Speranza alla Salute e Di Maio agli Esteri, il problema è il personale politico di Fratelli
d’Italia?
“.

E un altro attacco al Movimento 5 Stelle arriva sul tema dell'”uno vale uno”, cavallo di battaglia negli anni scorsi del M5S: “Uno non vale uno, questa è un’idiozia che ha permesso a gente che non vale niente di arrivare al governo – è la posizione di Meloni – serve valorizzare il merito. L’uguaglianza è madre e presupposto del merito”.

“IL DECLINO SI PUÒ INVERTIRE”

“A Natale durante la pandemia siamo stati i primi a tornare in piazza ad Atreju, ora nel bel mezzo di una tempesta vogliamo essere i primi a indicare la rotta – spiega Meloni -. Intendiamo attraversare la burrasca che ha spazzato via le certezze di molti ma non le nostre. Ci faremo trovare pronti con proposte serie e con le persone giuste al posto giusto“. La presidente di FdI non nasconde le difficoltà del momento storico attuale, ma rilancia: “Il declino si può invertire, possiamo trasformare quest’epoca infame in un nuovo Risorgimento italiano. Vogliamo dire basta all’approccio ideologico che tiene l’Italia ostaggio, da Patria del fare al Paese dei no”.

“OCCIDENTE HA SVENDUTO ANIMA E VALORI AL MIGLIOR OFFERENTE”

“Il combinato disposto rappresentato pandemia e guerra ha spazzato via il castello di sabbia delle utopie globaliste. Di emergenza in emergenza i diritti dei cittadini sono andati sempre più comprimendosi“, attacca Meloni. Che sulla guerra in corso in Ucraina sottolinea: “Dove eravate quando FdI denunciava il cinismo con cui l’Occidente intratteneva rapporti con diversi stati illiberali? O quando dicevamo che la transizione fatta così ci legava mani e piedi alla Cina? O dicevamo no all’ingresso di Erdogan in Europa? Oggi bisogna fare i conti con la realtà. L’Occidente ha rinunciato alla propria anima e svenduto i propri valori al miglior offerente“.

La presidente di FdI lancia un appello al premier: “Draghi usi la sua autorevolezza per chiedere la revisione degli obiettivi del Pnrr. Bisogna intervenire sugli effetti della crisi”. E ripropone una idea del suo partito: “Da tempo proponiamo un ministero del Mare, che metta in relazione le varie attività marittime: pesca, nautica, turismo balneare, porti”.

“SE L’UCRAINA CAPITOLA, SARÀ VITTORIA DELLA CINA”

La leader di FdI è netta: “Ora in Ucraina si decide il nostro futuro, i nostri equilibri. Mi sono chiesta perché le madri ucraine hanno messo in salvo i figli nei corridoi umanitari e sono tornate indietro a combattere. Ma perché voler far crescere i propri figli orfani? Perché la patria è la prima delle madri, per questo la chiamiamo madre patria”.

“Se l’Ucraina capitolasse il vero vincitore non sarebbe tanto la Russia ma la Cina capitalcomunista di Xi. L’Europa, la più debole dell’Occidente, sarebbe subordinata alla Cina e io non ci voglio finire. Non lo considero un grande futuro”, spiega Meloni. “Fino a trenta anni fa metà degli Stati europei viveva sotto il regime sovietico. Non è sorprendente se chi ha conosciuto il comunismo combatta per una libertà che oggi diamo per scontata“.

“ANCHE USA SI FACCIANO CARICO DELL’IMPATTO DELLE SANZIONI”

“Chiediamo un fondo di compensazione cui partecipi l’Occidente. Non posso accettare che Biden dica che le sanzioni avranno un impatto minimo sugli americani – nota Meloni – Qui l’impatto sarà massimo e sarà il caso che redistribuiamo i carichi perché non faremo i muli da soma dell’Occidente“.

Secondo la presidente di FdI, “l’Europa non ha politica estera, non ha difesa, nessuna nazione europea rispetta impegno del 2% alla Nato. L’ingerenza americana è una scelta europea ed è sbagliata. Rivolgiamo critiche all’Unione europea perché queste politiche hanno umiliato la storia europea, l’hanno ridotta al lumicino”.

“ANPI NON CREDE NELLA PAROLA PATRIA”

Sulle polemiche che hanno investito l’Anpi per le posizioni del suo presidente Gianfranco Pagliarulo sul conflitto in Ucraina, Meloni afferma: “Oggi l’Anpi pare diventato il refugium peccatorum di tutti i falliti di estrema sinistra”. “Non mi stupisce che sardine, l’Anpi oggi e le bandiere arcobaleno contestino la resistenza, perché non credono nella parola Patria”.

“COVID HA IMPOSTO MODELLO CINESE IN ITALIA, SINISTRA NON SE NE ACCORGE?”

La leader parla anche di pandemia: “In Italia il Covid è stato sfruttato per imporre un modello cinese. Il diritto di lavorare viene garantito solo con un lasciapassare del governo. È un provvedimento pesante e mi stupisce che la sinistra non se ne accorga. Non accetteremo più provvedimenti insensati, è ora di dire basta all’emergenza eterna e tornare al rispetto delle regole”.

Per Meloni, “si poteva cercare una cura al Covid, invece di criminalizzare una brava persona come Giuseppe De Donno che il cinismo del mainstream ha condotto alla morte”.

“FDI FAVOREVOLE AD AUMENTO SPESE MILITARI”

Meloni torna anche sul dibattito che ha diviso la politica italiana a proposito dell’aumento delle spese militari, chiesto dalla Nato: “FdI ha nel suo programma da sempre l’aumento delle spese militari, quello che spendiamo in difesa è il prezzo della nostra libertà per difendere i nostri interessi a livello internazionale”.

“UTERO IN AFFITTO? UNA PRATICA MOSTRUOSA”

La presidente di Fratelli d’Italia affronta anche il tema dell’utero in affitto: “I bambini non si comprano, non sono prodotti da banco di cui puoi scegliere colori e caratteristiche o di rimandare indietro al mittente se il prodotto si rivelasse difettoso. Ma è esattamente quello che accade con quella pratica mostruoso dell’utero in affitto. Uomini ricchi che pagano donne povere per portare in grembo un bambino che verrà strappato? Non è simbolo di modernità ma di una società infame, che sostituisce Dio col denaro”.

E sull’ideologia gender, Meloni dichiara: “L’obiettivo gender non è la lotta alle discriminazioni o il superamento delle differenze maschio-femmina, il vero obiettivo non dichiarato è la scomparsa della donna in quanto madre. L’individuo indifferenziato voluto dalla ideologia gender non è gender ma maschio, è l’identità femminile ad esser messa in discussione perché si vuole distruggere la maternità”.

L’APPELLO DI FONTANA PER L’UNITÀ DEL CENTRODESTRA

“La mia presenza in questa importantissima riunione programmatica rappresenta la capacità del buon governo da parte del centrodestra e delle forze politiche che lo compongono, tra cui anche Fratelli d’Italia, che garantisce buon governo ed efficienza amministrativa nei nostri territori”. Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ospite della convention di FdI al MiCo di Milano, lancia un vero e proprio appello all’unità del centrodestra dopo le polemiche tra gli alleati di questi giorni. “Il metodo è sempre stato quello dell’ascolto, la prova di un centrodestra che governa bene e in modo compatto. Il nostro è uno sguardo unito verso un futuro comune“, sottolinea il governatore.

In questi quattro anni e mezzo abbiamo sempre lavorato benissimo, affrontato difficoltà senza mai romperci una sola volta – spiega Fontana durante il suo intervento di saluto -. Abbiamo la consuetudine a lavorare insieme, abbiamo attraversato momenti molto difficili, abbiamo fatto i conti con il fango mediatico che ci è venuto addosso ma ne siamo usciti grazie a una grande coesione“.

Il presidente della Regione nomina poi uno per uno i consiglieri e gli assessori di Fratelli d’Italia in Regione. “La Lombardia per prima ha reagito approvando la legge che attua le previsioni del Pnrr sulla sanità e per prima ha immesso in circolo oltre 4 miliardi dei euro che hanno contribuito a rimettere in moto la nostra economia. Abbiamo anticipato il Pnrr grazie a una visione comune e alla compattezza del governo regionale”, conclude Fontana.

SALA CHIEDE A MELONI: “INTENDETE RIFARVI A DINAMICHE SOVRANISTE?”

“Il titolo di questa tre giorni è impegnativo. Si parla di appunti per un programma ‘conservatore’. La fase di stesura degli appunti è sempre fondamentale: dagli appunti si comprende la natura del testo definitivo, cioè del programma”. Il sindaco di Milano, Beppe Sala, saluta la conferenza programmatica di Fratelli d’Italia in corso nella città senza limitarsi ai classici saluti istituzionali, ma offrendo “un ragionamento a questa platea e a chi interverrà su questo palco. Questo programma viene appunto definito conservatore. È una parola rilevante, direi cruciale. E quindi mi viene da chiedere a tutte e tutti voi: quale conservazione intendete promuovere con il programma che state appuntando?“, è la domanda del primo cittadino milanese.

“Intendete delineare un’identità che conserva quali elementi del passato, anche recente?”, chiede Sala. “Abbiamo verificato che le politiche sovraniste, pronte a esasperare una tensione collettiva, finiscono per cozzare le une contro le altre, rischiando di demolire l’idea stessa di Europa. È questa la dinamica che si vuole conservare?”.

Il sindaco meneghino affronta poi la questione ambientale, chiedendosi se “si intende conservare un modo di produrre l’energia e di vivere, che ha sfruttato il pianeta fino a mettere in forse la sopravvivenza delle specie? Una transizione ecologica, che è ormai una necessità impellente, è un’evoluzione e non un’involuzione“.

Sui diritti civili, Sala chiede poi alla platea se “un cittadino ha diritto ai diritti in ogni parte del mondo, oppure la cittadinanza è qualcosa di chiuso, di interdetto, di esclusivo? E chi si oppone politicamente è un nemico o un avversario?”.

“Vedete – conclude il sindaco di Milano – la pandemia è mondiale, il rischio di guerra è mondiale, la rivoluzione climatica è mondiale. Tutte queste cose sono per l’appunto mondiali, non sono semplicemente italiane e tantomeno folkloristiche. Essere conservatori del pianeta, cioè conservarlo per la vita e la prosperità comuni: ecco un conservatorismo possibile”.

ACQUAROLI: “MODELLO MARCHE SIA MOTORE CHE LIBERA ENERGIE”

“Abbiamo trovato una Regione disunita e disgregata, disorientata in un momento difficile. Abbiamo cercato di liberare le energie migliori, al di là delle appartenenze, cercando di costruire una visione strategica per il futuro. E vogliamo continuare a farlo insieme, con la concertazione e il confronto”. Parte dal “racconto di un anno e mezzo alla guida delle Marche” l’intervento del presidente marchigiano Francesco Acquaroli alla conferenza programmatica di Fratelli d’Italia in corso a Milano.

Il presidente delle Marche parla del lavoro svolto per gli interventi per la “ventilazione meccanica delle scuole“, della costruzione di “una visione per il lavoro e giovani che scappano” e del Pnrr come opportunità per “ricostruire le infrastrutture, tra cui le linee ferroviarie come quella Adriatica”. Sono “tante opportunità che dobbiamo cogliere – conclude Acquaroli – e tante energie da liberare. E noi dobbiamo essere non un problema ma il motore di queste energie”.

MUSUMECI: “PRONTI A UNA FORZA CONSERVATRICE MODERNA”

“Cara Giorgia, le nostre energie si offrono a te per dotare il Paese di una grande forza conservatrice moderna, senza rinnegare da dove veniamo“. Il governatore della Sicilia, Nello Musumeci, alla conferenza programmatica di Fratelli d’Italia in corso a Milano raccoglie la sfida per una forza conservatrice lanciata dalla leader Giorgia Meloni.

Musumeci porta il saluto di una “Sicilia che sta cambiando, una Sicilia che con fatica ha ripreso un percorso interrotto da tanto tempo e che oggi è governata da un presidente di destra per la prima volta dal dopoguerra“. Un uomo, aggiunge Musumeci, “orgogliosamente formatosi nel Movimento Sociale Italiano e che guarda al futuro con grande responsabilità”.

MARSILIO: “NON SIAMO NEL CENTRODESTRA PER CONVENIENZA”

“Questa conferenza ci da l’opportunità di riguardare al percorso fatto, rivendicandone la coerenza, la continuità e la lungimiranza. Ed è importante farlo anche per noi stessi, perché la consapevolezza di ciò che siamo e dove veniamo è fondamentale per cogliere i traguardi da raggiungere. E va chiarito che nessuno ha scelto di stare nel centrodestra per convenienza”. Così Marco Marsilio, presidente della Regione Abruzzo, intervenendo alla conferenza programmatica di Fratelli d’Italia in corso a Milano.

“Qualcuno – prosegue Marsilio – insinua che noi eravamo nati per rinnegare il percorso di Fiuggi verso una destra normale e che dovessimo fare una sorta di rifondazione missina con la destra neofascista. Chiariamo subito, non siamo nati per tornare indietro ne per rifondare alcunché. Siamo nati per offrire al nostro popolo un centrodestra a testa alta, rivolgendoci a tutti quelli che vogliono fare politica con la ‘P’ maiuscola, mettendo insieme le forze migliori della tradizione nazionale, popolare, liberale e conservatrice. Condividiamo profonde radici comuni per riconoscerci prima di tutto nel valore supremo della patria, nella sacralità della vita, nella dignità della persona umana e nell’eredità della civiltà occidentale”.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-04-30T18:57:18+02:00