Coronavirus, sindaco di Messina a Conte: “Ecco il mio Dpcm”

Una proposta quella di Cateno De Luca che prevede la ripresa delle attività economiche attraverso il meccanismo della Banca dati 'Libertà autovigilata'
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PALERMO – “La stagione degli annunci, varata dal governo con il primo Dpcm dell’8 marzo e protratta fino all’ultimo del 26 aprile scorso deve essere dichiarata chiusa. Siamo stanchi di dichiarazioni con le quali si rimanda sempre ad un futuro prossimo la ripresa delle attività economiche, senza mai dare una data certa, a differenza di altri paesi europei, o, ancora peggio, senza porsi mai il problema di come le attività economiche che fino ad ora sono rimaste sospese, potranno riprendere a lavorare”. Lo afferma il sindaco di Messina, Cateno De Luca, che ha inviato al governo nazionale una sua “proposta” di Dpcm. “La ‘Fase 2’ che ci accingiamo a vivere deve essere contrassegnata da un rigoroso rispetto delle nuove disposizioni che consentiranno di riappropriarsi del nostro tempo e dei nostri spazi, ma che non devono farci abbassare la soglia dell’attenzione verso un nemico insidioso e altamente offensivo – prosegue -. Per tale motivo ho trasmesso la mia proposta di Dpcm al presidente Conte, ai presidenti delle Regioni Obiettivo 1, al ministro per i Rapporti con le Regioni e al presidente dell’Anci, chiedendo ad ognuno di loro di contribuire per elaborare una proposta condivisa. Ho altresì avvisato che in assenza di riscontro emetterò il 4 maggio un’ordinanza sindacale – avverte – con la quale mi farò carico di consentire nel territorio di Messina, a far data dal 25 maggio, la ripresa delle attività economiche nel pieno rispetto delle norme sul distanziamento sociale“. Secondo il sindaco di Messina “il governo trascura completamente di occuparsi degli aspetti prettamente economici della gestione della crisi da contagio del Covid-19, scaricando sulle spalle degli operatori economici – aggiunge – ogni conseguenza generata da questa situazione di prolungata inattività”. De Luca poi evidenzia: “Lo scenario iniziale adesso risulta modificato per effetto dell’andamento della curva del contagio che, se dimostra come le regioni del Nord non siano ancora riuscite a contenere la diffusione del virus, al contrario, rivela che nelle regioni del Sud, già classificate Obiettivo 1, il contagio è stato contenuto e in alcuni casi addirittura arrestato del tutto, come in Basilicata”.

LEGGI ANCHE: Sindaco De Luca: “Ultimo Dpcm una porcheria, servono restrizioni differenziate per regione”

Il sindaco di Messina snocciola anche alcuni dati: “Nell’intero Settentrione i contagiati sono otto volte quelli del Meridione e il divario aumenta ulteriormente sul piano dei decessi: 876 al Sud contro 10.022 in Lombardia, undici volte tanto. Il rapporto Sud-Nord nel caso delle morti da coronavirus è di uno a diciotto”. E allora “continuare a mantenere una sospensione generalizzata di tutte le attività economiche – prosegue il sindaco di Messina -, ferme dai primi di marzo, è dunque inaccettabile sia in senso generale che, ancor di più, in considerazione delle situazione del Meridione, dove gli operatori economici, per la maggior parte piccoli imprenditori, commercianti, artigiani, liberi professionisti e titolari di partita Iva, sono stati lasciati sostanzialmente privi di qualsiasi sostegno economico e non saranno, perdurando tale stato di cose, in grado di riaprire le loro attività”. Per queste ragioni “ho ritenuto necessario elaborare una proposta di Dpcm con la quale disciplinare e regolare la ripresa delle attività produttive, commerciali, artigianali, dei servizi alla persona, degli stabilimenti balneari e delle relative attività complementari, palestre, centri sportivi, maneggi, cinema, drive-in, arene, musei, mostre espositive e cimiteri nel rispetto delle norme del distanziamento sociale”. Nella sua proposta De Luca introduce il concetto della “Banca dati ‘Libertà autovigilata’, presso la quale ogni utente – conclude – sarà tenuto a registrarsi per accedere ai servizi ammessi e disciplinati nello stesso decreto”.

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

29 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»