Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Whirlpool, arcivescovo di Napoli celebra messa in fabbrica con i lavoratori

"Su questo altare ci sono le preoccupazioni e le paure, ma anche la speranza", le parole di don Mimmo Battaglia durante la celebrazione eucaristica nello stabilimento Whirlpool di via Argine
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “C’è una frase che ho letto qui, recita “la vita di ogni essere umano vale più del denaro dell’uomo più ricco del mondo”. In questa frase è racchiuso il senso del mio essere qui nel primo giorno di settimana santa”. Così l’arcivescovo metropolita di Napoli don Mimmo Battaglia ha aperto la celebrazione eucaristica che si sta svolgendo all’interno della fabbrica Whirlpool di via Argine. Prima della messa l’arcivescovo ha avuto un breve incontro con i lavoratori, assicurando loro pieno sostegno e vicinanza.
Don Battaglia ha detto che per lui la settimana di Pasqua inizia con un’azione per “sostare accanto alle infinite croci di oggi, dove Cristo continua a essere crocifisso” e per “sostare accanto alle vostre lacrime, che sono sempre sacre. Su questo altare ci sono le preoccupazioni e le paure, ma anche la speranza”.

“Quello di oggi – è un segno piccolo, che però vuole sottolineare tutta la vicinanza mia e della Chiesa a ciascuno di voi: noi ci siamo, siamo accanto a voi”. Così l’arcivescovo a aprendo la sua omelia durante la celebrazione eucaristica. Don Battaglia si è rivolto ai lavoratori, spiegando che la sua presenza “in questa fabbrica, nella quale entro con umiltà, è per dirvi che la Chiesa è con voi e condivide la vostra sofferenza. Insieme a voi la Chiesa chiede che si cerchino senza indugio strade da percorrere per trovare soluzione capaci di dare serenità a voi, alle vostre famiglie e ai vostri figli per riaccendere il sorriso e la speranza”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»