Affondo Lega: “Bonus giovani 300 euro, ma siti governo dicono 500”

Sui siti del Miur e del Mibact compaiono informazioni vecchie e sbagliate. Lo denuncia il leghista Massimiliano Capitanio
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Il bonus per i 18enni non è più di 500 euro ma di 300. Eppure il governo dopo i tagli non ha aggiornato i siti, che riportano ancora la vecchia cifra. Lo denuncia Massimiliano Capitanio, deputato della Lega e Segretario della Commissione Vigilanza Rai, che diffonde anche gli screen shot dei siti ‘incriminati’. “Il Governo delle tasse di Giuseppe Conte- dice Capitanio- dopo aver vampirizzato gli enti locali, taglia i fondi anche ai ragazzi: la app18, il bonus destinato ai neo 18enni, come sappiamo, è sceso da 500 a 300 euro perché Conte ha ridotto la stanziamento da 240 a 160 milioni nell’ultima finanziaria. Ancor più grave è che il sito del MiurIstruzione riporti la falsa notizia della conferma dei 500 euro per i nati nel 2002, quello del Mibact sia fermo agli spot del 2016 e il portale 18app.it non sia stato aggiornato, illudendo giovani e famiglie con dati sbagliati. Il Governo intervenga immediatamente con una corretta comunicazione”.

 

Capitanio aveva presentato un emendamento al milleproroghe per estendere, in linea con il progetto sulla educazione civica della Lega, la 18app all’acquisto di etilometri portatili contro le stragi del sabato sera, per un costo di 20 euro circa. Ma l’emendamento non è stato accolto.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

29 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»