Vaccino, in Abruzzo chi assiste estremamente vulnerabili può prenotarsi

vaccino covid puntura
A partire da oggi, attraverso la piattaforma regionale. Ecco come fare
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Anche i caregiver delle persone affette da quelle patologie previste nelle raccomandazioni del decreto del ministro della Salute del 12 marzo 2021, possono prenotare ora la vaccinazione attraverso la piattaforma regionale. Lo comunica l’assessorato regionale alla Sanità che ha di fatto così colmato quelle che qualche giorno fa il consigliere regionale del Pd Antonio Blasioli aveva definito “lacune” del sistema per la manifestazione d’interesse nei confronti di accompagnatori e familiari delle persone estremamente vulnerabili.

LEGGI ANCHE: Abruzzo dal 26 aprile in giallo, ma 11 Comuni in zona rossa

Da oggi, quindi, spiega in una nota l’assessorato alla Sanità, potranno prenotarsi i famigliari conviventi di persone estremamente vulnerabili che rientrano in questo elenco: malattie neurologiche (pazienti in trattamento con farmaci biologici o terapie immunodepressive); malattie autoimmuni-immunodeficienze primitive (pazienti con immunodepressione secondaria a trattamento terapeutico e pazienti con grave compromissione polmonare o marcata immunodeficienza); patologia oncologica (pazienti oncologici e onco-ematologici in trattamento con farmaci immunosoppressivi, mielosoppressivi o a meno di 6 mesi dalla sospensione delle cure); trapianto di organo solido e di cellule staminali emopoietiche (pazienti in lista d’attesa o trapiantati di organo solido, pazienti in attesa o sottoposti a trapianto (sia autologo che allogenico) di cellule staminali emopoietiche (Cse) dopo i 3 mesi e fino a un anno, quando viene generalmente sospesa la terapia immunosoppressiva; pazienti trapiantati di Cse anche dopo il primo anno, nel caso che abbiano sviluppato una malattia del trapianto contro l’ospite cronica, in terapia immunosoppressiva). Per iscriversi, sottolinea l’assessorato, è necessario immettere il codice fiscale del familiare. Possibile prenotarsi per il vaccino anche per i genitori (oltre a tutori e affidatari) di minori che rientrano nella definizione di estremamente vulnerabili e che non possono essere vaccinati per mancanza di vaccini indicati per la loro fascia di età. Per questi casi è necessario immettere il codice fiscale del minore.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»