Coronavirus, Lopalco: “Sicurezza vuol dire investire in formazione”

"Ripartire in sicurezza altrimenti sarebbe solo uno slogan vuoto", scrive su Twitter Pierluigi Lopalco, epidemiologo e consulente della Regione Puglia sull'emergenza Covid
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – Sicurezza vuol dire investimenti soprattutto in formazione. Altrimenti ‘ripartire in sicurezza’ e’ solo uno slogan vuoto”. Lo scrive su Twitter Pierluigi Lopalco, epidemiologo e consulente della Regione Puglia sull’emergenza Covid. L’esperto e’ stato ospite della trasmissione di Rai 3 Agora’ in cui ha commentato le proteste dei parrucchieri che, secondo quanto riferito domenica scorsa dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte, potranno tornare a lavoro dal primo giugno. “Quando il parrucchiere protesta per il fatto che e’ rimasto chiuso poi pero’ vedo che non sa indossare la mascherina perche’ la mette sotto il naso capisco che non e’ stato fatto nulla per insegnare a queste persone come si indossa una mascherina – ha detto Lopalco -. Allora io vado dal parrucchiere se sono sicuro che a quel parrucchiere e’ stato fatto un corso su come si indossa la mascherina, su come si usano i guanti, su quando usare il gel. Il problema della sicurezza e’ molto legato alla formazione degli operatori: dall’ospedale al salumiere bisogna informare sul rischio infettivo e di questo – ha concluso – si e’ parlato poco”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»