Il Cocoricò di Riccione raccoglie fondi per riaprire, anche come museo della disco

In palio per i sostenitori ci sono "premi irripetibili nella loro unicità", si legge in un comunicato stampa, come la possibilità di vedere il proprio nome inciso sul nuovo 'Wall of fame' del Cocoricò e un golden ticket che varrà da abbonamento a vita alle serate del locale
In palio per i sostenitori la possibilità di vedere il proprio nome inciso sul nuovo 'Wall of fame' del locale e un golden ticket che varrà da abbonamento a vita
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Pietro Tabarroni

BOLOGNA – Il Cocoricò cambia volto, rimanendo tempio della musica elettronica. La nuova gestione del club sui colli di Riccione lancia la campagna di crowdfunding su ‘Produzioni dal basso’ (piattaforma di raccolta fondi online). In palio per i sostenitori ci sono “premi irripetibili nella loro unicità”, si legge in un comunicato stampa, come la possibilità di vedere il proprio nome inciso sul nuovo ‘Wall of fame’ del Cocoricò e un golden ticket che varrà da abbonamento a vita alle serate del locale. Si cercano risorse per ultimare la ristrutturazione del locale, ma anche da investire nel ‘Museo discocratico’ (Mudi), il primo in Italia ospitato da una discoteca.

In palio per i sostenitori ci sono "premi irripetibili nella loro unicità", si legge in un comunicato stampa, come la possibilità di vedere il proprio nome inciso sul nuovo 'Wall of fame' del Cocoricò e un golden ticket che varrà da abbonamento a vita alle serate del locale

Come tutti i locali della riviera, anche il Cocoricò è stato penalizzato dalla pandemia e ha dovuto fermare le danze sotto la famosa piramide di vetro attiva dalla fine degli anni ’80. Ora i nuovi gestori, Enrico Galli e Antonella Bonicalzi, guardano al futuro e progettano la riapertura, lanciando l’idea del Mudi, in linea con la vocazione ‘multidisciplinare’ della discoteca romagnola, che sotto la storica direzione artistica di Loris Ricciardi ha ospitato, in passato, anche gruppi teatrali di avanguardia, come Societas Raffaello Sanzio e il Teatro della Valdoca.

Le iniziative del museo, che vanno dalle performance di teatro alle esposizioni di pittura, saranno organizzate in concomitanza coi concerti, cercando di rinverdire i fasti che resero famoso il Cocoricò, attirando artisti e celebrità di ogni genere, oltre ai massimi esponenti della musica elettronica degli ultimi 40 anni. Le informazioni sul nuovo calendario del club e su come aderire alla campagna di finanziamento sono sul sito di ‘Produzioni dal basso’.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»