Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La vicequestore Schilirò: “Green Pass illegittimo”. Avviato procedimento disciplinare

vice_questore_Schilirò_green_pass
Il suo intervento ieri a Roma sul palco di San Giovanni, durante la manifestazione contro la certificazione verde a cui hanno partecipato in migliaia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Ieri migliaia di No Green Pass si sono radunati in piazza San Giovanni a Roma per manifestare contro la certificazione verde. Tra loro c’era anche la vicequestore di Roma, Nunzia Alessandra Schilirò, che salita sul palco è stata protagonista di un intervento che sta facendo molto discutere. “Sono qui oggi come libera cittadina per esercitare i miei diritti previsti dalla Costituzione. Il momento storico che stiamo vivendo è di una gravità senza precedenti e a chi dice che manifestare è inutile rispondo che è come denunciare un delitto: a volte puoi scegliere se farlo o no, ma se lo fai c’è qualche possibilità di uscire dall’ingiustizia- ha dichiarato Schilirò- La disobbedienza civile è sacra quando uno Stato diventa dispotico o corrotto. Chi scende a patti con quello Stato ne diventa complice”. “Come si fa a limitare il diritto al lavoro, alla libertà, il diritto alla circolazione di un cittadino? Non è possibile, perché bisognerebbe cambiare la Costituzione- ha spiegato-. Il Green pass italiano è illegittimo perché viola l’articolo 36 del decreto 953 dell’Unione Europea, istitutivo del Green Pass”, ha aggiunto. La questura ha avviato un procedimento disciplinare nei confronti di Schilirò dopo le sue parole.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Migliaia di No Green pass in piazza San Giovanni a Roma: “No a dittatura sanitaria”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»