Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Mondragone, Furfaro (Pd): “Bulgari zingari? Zannini chieda scusa”

"Quelle parole spero siano frutto di un colpo di sole perché sono oltre la destra e la sinistra: siamo al pregiudizio razziale, alla disumanità"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – – “La politica è la cosa più nobile che ci sia. E ogni giorno ha bisogno di parole, fatti e azioni che tengano alto il suo significato. A maggior ragione, questo vale per chi ha un ruolo istituzionale. Le parole pronunciate da Zannini sono il contrario della buona politica”. Lo dice Marco Furfaro, responsabile e coordinatore del Forum Comunicazione del Pd, a proposito delle affermazioni del consigliere regionale della Campania Giovanni Zannini, ricandidato alle prossime elezioni con lo schieramento di centrosinistra nella lista ‘De Luca presidente’, in merito al focolaio scoppiato a Mondragone (Caserta).

Zannini ha definito i cittadini bulgari di Mondragone “zingari ignoranti che non capiscono”.

“Quelle parole spero siano frutto di un colpo di sole”, dice Furfaro interpellato dalla Dire. “Perché sono oltre la destra e la sinistra: siamo al pregiudizio razziale, alla disumanità, al linguaggio sguaiato e violento che ogni giorno il mio partito e l’Italia migliore combatte. Zannini chieda scusa e rimedi in fretta, ne va della nobiltà della buona politica”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»