Stadio Roma, Raggi: “Un’altra archiviazione per me”

"Nessuna cena 'carbonara', nessun complotto ordito in segrete stanze, nessun reato". Il sindaco di Roma esulta su Facebook per una nuova richiesta di archiviazione arrivato nei suoi confronti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Vi racconto una storia, poco divertente anche se interessante: la procura ha richiesto nuovamente l’archiviazione dell’ennesima accusa infamante nei miei confronti. Secondo i magistrati che portano avanti le indagini, infatti, l’esposto che mi chiama in causa non ha alcun fondamento. Il lavoro dei giudici è nato per una fantasiosa denuncia presentata da un architetto. Nessuna cena ‘carbonara’, nessun complotto ordito in segrete stanze, nessun reato”. Lo scrive su facebook la sindaca di Roma, Virginia Raggi, commentando la richiesta di archiviazione avanzata oggi dalla Procura in merito all’indagine per abuso d’ufficio in uno dei filoni di indagine sul nuovo stadio della Roma.

“Soltanto la solita gogna mediatica nei confronti miei e della amministrazione di Roma: titoloni di giornale, fango e parole di fuoco da parte di una opposizione senza arte né parte. Dalla nostra parte abbiamo la consapevolezza di perseguire sempre e soltanto gli interessi della città”, aggiunge Raggi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

26 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»