Covid, Crisanti: “Test rapidi antigenici sono soldi buttati: bassa sensibilità e non intercettano alcune varianti”

andrea crisanti immunologo
"L'antigenico analizza solo il gene M mentre le varianti sono sul gene S"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Gli antigenici sono uno spreco di soldi: facciamo almeno 200mila antigenici al giorno, al costo di 15-20 euro a test, sono almeno 3 milioni di euro buttati”. A dirlo è il microbiologo Andrea Crisanti, dell’Università di Padova, che interpellato dalla Dire spiega perché questi test non si stanno rivelando utili, ma anzi danneggiano il tracciamento dell’epidemia, visto che, secondo lo studioso, il numero dei decessi che abbiamo corrisponde ad una popolazione di infetti almeno 4 volte quanto riscontrato ogni giorno. “I tamponi rapidi soffrono di due problematiche- spiega Crisanti- hanno una bassa sensibilità per cui tre positivi su dieci non sono intercettati, inoltre questi test non riconoscono alcune varianti. Basta guardare il tasso di positività degli antigenici per capire che: o si stanno facendo alle persone sbagliate, non intercettando il virus, o essi non riescono ad individuare tutti i positivi e questo sarebbe ben spiegato dal fatto che l’antigenico analizza solo il gene M mentre le varianti sono sul gene S. C’è poi l’aspetto dei decessi, che sono ancora un numero molto elevato. Questo dato ci indica che il numero di persone contagiate è molto più alto rispetto ai numeri riscontrati ogni giorno, parliamo di 35-40mila nuovi casi al giorno”.

Crisanti però vede una via d’uscita sull’uso degli antigenici: serve fare una moratoria, validarli tutti, verificare che siano adatti alle varianti ed utilizzarli con criteri differenti a seconda del contesto, perché i test rapidi non sono strumenti da bandire, anzi ci aiutano, solo che dobbiamo essere consapevoli di come e in quale contesto li impieghiamo: se è per tracciare rischiano di non essere efficienti, se è per fare uno screening periodico accompagnato anche da altri tipi di test allora sono una buona soluzione. Certo, per le varianti gli antigenici non bastano. Doveva esserci il consorzio nazionale per il sequenziamento delle varianti ma non è mai partito”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»