Coronavirus, Aimo: “Sul web c’è chi approfitta del dolore di familiari vittime”

Ci sono società legali che in questi giorni di emergenza invitano i parenti di chi è stato vittima di infezioni ospedaliere a intraprendere azioni legali nei confronti dei medici
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Approfittando del dolore per la morte dei congiunti, e vista la grave situazione economica, gruppi di professionisti stanno invitando in rete ad azioni legali nei confronti dei medici. Indignati, chiediamo un forte e immediato riscontro da parte delle istituzioni”. A denunciarlo è l’Associazione italiana dei Medici Oculisti, che in una lettera inviata al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e ai ministri della Salute e del Lavoro, rispettivamente Roberto Speranza e Nunzia Catalfo, chiede un intervento sull’operato di alcune società che in questo momento di emergenza sanitaria legata al Coronavirus stanno postando sui propri profili Facebook messaggi pubblicitari in cui invitano chi è stato vittima di infezioni ospedaliere a rivolgersi a loro per una consulenza gratuita e per valutare eventuali azioni legali da intraprendere da parte dei familiari.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, il Ministero della Salute smentisce le fake news più diffuse

“Con oggi il numero dei medici morti per infezione da Coronavirus sale a 39 e i contagiati sono migliaia- sottolinea il presidente di Aimo, Luca Menabuoni-. I medici da subito sono stati chiamati in prima linea, molto spesso attrezzati con protezioni insufficienti, ma tutti hanno risposto con onore alla chiamata. E sono morti. Sono stati fatti applausi, molto si sono profusi in ringraziamenti. Tutte cose gratificanti, anche se marginali rispetto alla tragedia che stiamo vivendo. Su questi profittatori del web, allora– conclude Menabuoni- bisogna intervenire al più presto“.

LEGGI ANCHE: Coronavirus ‘duro’ con gli adulti e lieve sui bimbi: parte studio per capire perchè

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

26 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»