Vaccino, De Luca: “Con queste forniture finiremo alle calende greche”

"Potremmo dover ragionare di somministrare solo la prima dose abbassando la copertura, come fanno in Gran Bretagna"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “I vaccini non arrivano. Potremmo somministrarlo al doppio dei cittadini, ma con queste forniture andremo alle calende greche per completare la vaccinazione“. Così Vincenzo De Luca, governatore della Regione Campania, nel corso della consueta diretta Facebook settimanale. Andando avanti così De Luca ammette che “potremmo dover ragionare di somministrare solo la prima dose abbassando la copertura, come fanno in Gran Bretagna. Se dobbiamo stare fermi meglio una copertura più bassa che stare a contemplare il nulla”.

Per il governatore “si sarebbe dovuto ragionare sulla produzione di vaccini in Italia dalla scorsa primavera, se lo avessimo fatto oggi avremmo aziende in grado di farlo. Era la prima cosa da fare, non ci ha pensato nessuno”.

“Stiamo lavorando – aggiunge De Luca – per cercare di approvvigionarci di vaccini anche all’estero. Forse ci saranno novità nella prossima settimana. Stiamo cercando di approvvigionarci di vaccini ma avendo chiaro che la Campania non userà mediatori, noi parliamo ad aziende e Stati e saranno solo quelli approvati da Ema e Aifa”.

LEGGI ANCHE: VIDEO| Vaccino, De Luca a Zaia: “Intermediari solo per la grappa barricata”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»