VIDEO | Coronavirus, De Luca: “In un Paese serio carcere a chi diffonde fake news”

lo ha dichiarato governatore della Campania Vincenzo De Luca questa mattina nel corso delle sue comunicazione al Consiglio regionale
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI – “Nei due giorni che abbiamo alle spalle, da un controllo sommario che abbiamo fatto, l’80% delle notizie sul coronavirus erano false. In un Paese serio queste cose comportano il carcere perché sono procurato allarme, abuso di titolo per l’utilizzo di simboli ufficiali sui social”. Così il governatore della Campania Vincenzo De Luca nel corso delle sue comunicazione al Consiglio regionale in corso.

“Rivolgiamo – aggiunge – un appello agli organi di informazione affinché ci aiutino ad affrontare in maniera meditata e seria l’informazione da rivolgere ai nostri cittadini”.

DE LUCA: “L’INFORMAZIONE É ESSENZIALE PER NON CREARE PREOCCUPAZIONE”

“Abbiamo avuto casi nei quali abbiamo fatto tamponi che erano negativi e dopo due giorni erano positivi. E viceversa. In altri casi si confonde il Covid-19 con un coronavirus diverso. Ci è capitato di avere un bambino di pochissimi giorni al Bambino Gesù con un coranavirus che era tutt’altra cosa rispetto all’agente patogeno di cui stiamo parlando”. Per questo, dichiara il governatore, “l’informazione è essenziale per non creare preoccupazione”.

“IN CAMPANIA NESSUN PROBLEMA TAMPONI E UN’AMBULANZA ATTREZZATA PER IL BIOCONTENIMENTO AL COTUGNO”

Attualmente abbiamo in dotazione 40mila mascherine, soprattutto per il personale sanitario. Ne abbiamo acquistate altre 400mila che dovrebbero arrivare nel giro di 48 ore. Non abbiamo problemi di tamponi. Abbiamo una ambulanza attrezzata per il biocontenimento al Cotugno. Non abbiamo un’emergenza in atto, ma ritengo che sia ragionevole acquistarne almeno un’altra”. Lo spiega il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, in apertura di Consiglio regionale facendo il punto su come la Campania si sta attrezzando per contrastare il coronavirus Covid-19.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

26 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»