Coronavirus, morto a 51 anni il portavoce Giovanni Bartoloni. La Dire lo ricorda

Il portavoce del vice presidente della Regione Leodori e del presidente del Consiglio regionale del Lazio Buschini era ricoverato allo Spallanzani
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Giovanni Bartoloni, portavoce del vicepresidente della Regione Lazio, Daniele Leodori e del presidente del Consiglio regionale, Mauro Buschini, non ce l’ha fatta. Il coronavirus lo ha ucciso a 51 anni.

Ricoverato in terapia intensiva allo Spallanzani, si è aggravato nella notte tra sabato e domenica. Lo piange la Regione Lazio, dove era entrato nel 2013 come portavoce dell’allora presidente del Consiglio, Daniele Leodori.

Tra i suoi incarichi era stato portavoce del presidente della Provincia di Roma, Enrico Gasbarra; responsabile delle relazioni con i media di Alitalia; portavoce dell’amministratore delegato di Equitalia e aveva avuto anche un’esperienza al Parlamento europeo.

L’agenzia Dire ricorda Giovanni Bartoloni come una di quelle persone che amava lavorare sodo dietro le quinte, senza mostrarsi molto. La sobrietà, lo stile facevano di lui uno ‘spin doctor’ apprezzato. Ci mancherà. Doveroso ricordarlo anche nei luoghi delle Istituzioni che ha sempre servito con rigore e professionalità.

ZINGARETTI: GIOVANNI NON CE L’HA FATTA, È UN DOLORE GRANDE

“Giovanni Bartoloni non ce l’ha fatta. È un dolore grande, tremendo. Ci mancheranno la sua grande professionalità e il suo sorriso, la sua energia e la sua ricchezza d’animo. Ci mancherai Giovanni. Un abbraccio forte da tutti noi ai tuoi cari”. Lo scrive su twitter Nicola Zingaretti, presidente della regione Lazio.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

25 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»