Tg Politico Parlamentare, edizione del 25 marzo 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

IPOTESI TAMPONI RAPIDI A SCUOLA

Tamponi rapidi agli studenti da ripetere ogni settimana, anche ai bambini degli asili e delle materne. È una delle ipotesi sul tavolo del ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, per riaprire le scuole in sicurezza dopo Pasqua. Un piano non c’è ancora, ma la volontà del governo è quella di accelerare per riprendere le lezioni in presenza. Intanto, le regioni che torneranno in arancione già lunedì prossimo, potrebbero riaprire per tre giorni, prima delle vacanze pasquali. Presidi, sindacati e assessori si stanno già muovendo per capire come fare. L’esecutivo sta definendo i requisiti minimi per la messa a punto del piano vaccinale nelle aziende. L’iniziativa, ha spiegato il ministro del Lavoro Andrea Orlando, incontrando le parti sociali, sarà rivolta soprattutto verso le medie e grandi imprese. La vaccinazione del personale avverrà tenendo conto di alcune priorità legate a età e fragilità.

LAZIO VERSO L’ARANCIONE, LOMBARDIA IN ROSSO

Il Lazio si appresta a tornare arancione da lunedì e riaprirà le porte ai nidi, alle scuole materne, alle elementari e medie. In bilico tra il rosso e l’arancio, Toscana e Veneto mentre dovrebbe restare rossa la Lombardia così come la Campania, il Friuli Venezia Giulia, l’Emilia-Romagna, il Piemonte, la Provincia di Trento, le Marche e la Puglia. Con l’indice di trasmissibilità in miglioramento in tutto il Paese ora si guarda all’incidenza che, secondo l’ultimo dpcm, prevede il passaggio in zona rossa ogni 250 contagi per 100mila abitanti. Dal 3 al 5 tutta Italia tornerà in rosso per evitare gli spostamenti durante le vacanze pasquali. Sul fronte vaccini intanto, dalla conferenza delle Regioni, si è stabilito di adottare linee di indirizzo per un modello comune nella gestione dei centri vaccinali straordinari, chiamati a somministrare più di 800 dosi al giorno.

CASHBACK, VIA LIBERA ALLE TESSERE DEI SUPERMERCATI

Via libera alle tessere fedeltà dei supermercati. Da oggi si potrà accedere al cashback di Stato pagando anche con le card Coop, Conad ed Esselunga. Grazie all’ultimo aggiornamento dell’app Io, le prime carte di pagamento delle catene della distribuzione saranno accettate dal sistema. Sono 7 milioni gli utenti attivi del programma cashback. Il governo parla di “segnale positivo per i pagamenti digitali”, ma le critiche non cessano. Resta infatti la richiesta da parte di alcuni partiti di cancellare la misura. Nonostante, sul versante dei ‘furbetti del cashback’, le cose non vadano male. Il sottosegretario all’Economia Claudio Durigon ha infatti spiegato che “le condotte anomale, come ad esempio più di 10 pagamenti allo stesso esercente, incidono solo per lo 0,2% sul totale complessivo”.

DANTEDÌ, L’ITALIA RICORDA IL SOMMO POETA

L’Italia celebra Dante Alighieri con il Dantedì, la giornata istituita lo scorso anno dal ministro Dario Franceschini in onore dell’autore della ‘Divina commedia’. Data non casuale il 25 marzo, perché è quella che i dantisti riconoscono come l’inizio del viaggio letterario nell’aldilà’. Le più alte cariche istituzionali, a partire dal presidente Mattarella sottolineano che il poeta ha unito l’Italia, non solo nel linguaggio, influenzando la cultura, l’arte, il pensiero contemporaneo. “La sua opera ha contribuito a costruire l’identità del Paese”, sottolinea il presidente della Camera Roberto Fico. Per Elisabetta Casellati, presidente del Senato, Dante è “la nostra identità. Inaspettatamente però arriva un duro attacco dal giornale tedesco Frankfurter Rundschau secondo cui il poeta fiorentino è stato “un arrivista e un plagiatore”. La replica del ministro Franceschini è in versi: “Non ragioniam di lor, ma guarda e passa”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»