Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Così minacciavano gli Spada: “Viene col lanciafiamme e dà fuoco a tutto”

Le intercettazioni dell'indagine 'Eclissi' che oggi ha portato a 32 arresti ad Ostia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

LE MINACCE DEL CLAN SPADA: TI STRAPPO I DENTI CON LE TENAGLIE

Significativa riguardo il carattere mafioso del clan Spada, secondo gli investigatori, è la conversazione in cui un affiliato del clan, riferendosi ad una vittima di estorsione, dice: “… ti dovrei spacca’ solo la faccia… tu domani vieni e mi parli in faccia.. perché io ti vengo a cercare… prendo tua madre, tuo padre… hai preso la persona sbagliata.. io te sto a da’ un consiglio… ti faccio cercare da tutta Ostia… sai che vuol dì?… ti spezzo tutte le costole … io pijo le tenaglie e ti strappo i denti…“.

“VIENE COL LANCIAFIAMME e DA’ FUOCO A TUTTO”

“Questi non guardano in faccia a nessuno e se Romolo non ha i soldi ci ammazza tutti…“. E ancora: “Era venuto al ristorante con una macchina rubata, portandosi dietro un lanciafiamme e se si fosse infuriato avrebbe dato fuoco a tutto”. Questo il contenuto di alcune conversazioni telefoniche di vittime del clan Spada intercettate dagli investigatori che hanno indagato nell’operazione ‘Eclissi’ e che oggi ha portato a 32 arresti ad Ostia.

UNA VITTIMA: MEGLIO LORO O OGNI NOTTE E’ BUONA PER LA TANICA

“Della potenza del clan Spada, degli equilibri mafiosi, e sul controllo del territorio esercitato dalla famiglia, è emblematica la ‘protezione‘ imposta al titolare di un’attività commerciale allorquando quest’ultimo riceve delle richieste provenienti da ‘i napoletani’, alle quali non intende sottostare proprio perché gode già della protezione degli Spada”, scrivono nell’ordinanza gli investigatori dell’indagine Eclissi. Ecco alcuni passaggi delle intercettazioni: “…sicuro al 100%… se abbasso mo la testa me tolgono tutto… invece una cugina non lo farebbe mai… meglio stare con Spada…“.

E ancora: “Purtroppo questo a me mi hanno chiesto e l’ho dovuto fa! Se vuoi stare qua sennò ogni notte è buona per la tanica!”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»