Ostia, maxi operazione della Polizia decapita il clan Spada: 32 arresti

ROMA - Dalle prime ore di questa mattina e' in corso una vasta operazione di Polizia Giudiziaria sul territorio di
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dalle prime ore di questa mattina e’ in corso una vasta operazione di Polizia Giudiziaria sul territorio di Ostia. Carabinieri e Polizia con la collaborazione del Nucleo Speciale d’intervento del Comando Generale della Guardia Costiera stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di Roma su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia a carico di capi e affiliati al Clan Spada responsabili, tra l’altro, di aver costituito, promosso e fatto parte di un’associazione a delinquere di tipo mafioso sul territorio laziale e segnatamente ad Ostia.

Sono 32 le ordinanze di custodia cautelare contro il clan Spada di Ostia. Tra i destinatari dei provvedimenti ci sono anche Carmine e Roberto Spada, quest’ultimo rinviato a giudizio nei giorni scorsi per la testata contro il giornalista Rai, Daniele Piervincenzi e attualmente detenuto nel carcere di Tolmezzo in provincia di Udine.

Nei confronti dei soggetti arrestati nell’operazione contro il clan Spada ad Ostia la procura di Roma contesta a vario titolo, il 416 bis, l’associazione a delinquere di stampo mafioso sul territorio laziale ed in particolare ad Ostia.

I particolari dell’operazione saranno resi noti in conferenza stampa che si terra’ alle 11 nella sala riunioni “Augusto Cocola” della Questura di Roma alla presenza del procuratore Aggiunto Dda Michele Prestipino.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»