Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Cerimonia di apertura dei Giochi paralimpici di Tokyo 2020, applausi per la bandiera dell’Afghanistan

Esattamente come lo scorso 23 luglio, l'evento si svolge nell'impianto vuoto, senza la presenza del pubblico fatta eccezione per una rappresentanza di studenti giapponesi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Dal nostro inviato Mirko Gabriele Narducci

Foto Bizzi/Cip

TOKYO – È iniziata da pochi istanti allo stadio Olimpico di Tokyo la Cerimonia di apertura dei Giochi paralimpici 2020, 16 giorni dopo la chiusura dell’Olimpiade. Esattamente come lo scorso 23 luglio, l’evento si svolge nell’impianto vuoto, senza la presenza del pubblico fatta eccezione per una rappresentanza di studenti giapponesi, a causa delle restrizioni dovute all’emergenza sanitaria. A portare la bandiera azzurra saranno la schermitrice Bebe Vio e il nuotatore Federico Morlacchi.Foto Bizzi/Cip

 L’ITALIA ENTRA NELLO STADIO DI TOKYO

L’Italia ha fatto il suo ingresso nello Stadio di Tokyo durante la Cerimonia di apertura dei Giochi paralimpici. A portare il Tricolore Bebe Vio e Federico Morlacchi: come per l’Olimpiade poco più di un mese fa, è la prima volta in una Paralimpiade che il ruolo di alfiere viene ricoperto da due atleti, un uomo e una donna, per promuovere la parità di genere. La delegazione dell’Italia, in completo bianco, sfila come 14esima nell’ordine di ingresso.

APPLAUSI PER BANDIERA AFGHANISTAN DURANTE CERIMONIA 

Applausi dei presenti allo Stadio di Tokyo, durante la Cerimonia di apertura della XVI Paralimpiade, al momento dell’ingresso della bandiera dell’Afghanistan, portata simbolicamente da un volontario in rappresentanza degli atleti che non hanno potuto prendere parte ai Giochi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»