fbpx

Tg Lazio, edizione del 24 maggio 2019

ANCORA PERQUISIZIONI E ARRESTI NEI CONFRONTI DI CASAMONICA

Ancora perquisizioni e arresti a Roma nei confronti di esponenti delle famiglie Casamonica e Di Silvio. Venti le perquisizioni delle forze dell’ordine nei quartieri della Romanina, Borghesiana e Tor Bella Monaca, ma anche a Colonna e Zagarolo, con lo scopo di trovare armi e droga. Nel corso del blitz è stata restituita all’agenzia per i beni confiscati alle mafie una villa che si trova in via della Selvotta, a Frascati, dove viveva il boss Salvatore Casamonica. Plauso alle forze dell’ordine da parte del ministro dell’Interno, Matteo Salvini, della sindaca di Roma, Virginia Raggi, e del governatore, Nicola Zingaretti.

ROMA, DA SCAVI VIA ALESSANDRINA RIAFFIORA TESTA FEMMINILE

Roma non smette di regalare bellezza. La testa marmorea di una donna è emersa questa mattina dagli scavi di via Alessandrina. Ad annunciarlo il vice sindaco di Roma, Luca Bergamo: “Ringrazio la Sovrintendenza Capitolina che cura gli scavi- ha detto Bergamo- Presto daremo informazioni più accurate, intanto le diamo un caldo benvenuto nel patrimonio di Roma”. Gli scavi sulla via Alessandrina sono ripresi a dicembre dello scorso anno per rimuovere il tratto iniziale della via, per una lunghezza di circa 30 metri.

ROMA-LIDO SI RIFA’ IL LOOK, DAL 2023 TRENI NUOVI

La Roma-Lido si rifà il look. Regione Lazio, ministero dei Trasporti, Rfi e Atac hanno infatti siglato la convenzione per l’ammodernamento della tratta ferroviaria che diventerà una sorta di metropolitana, con il passaggio di un treno ogni 6 minuti entro l’inizio del 2023. L’intervento, già finanziato con 180 milioni di euro, sarà portato avanti dalla Regione Lazio. I cantieri dovrebbero aprirsi nei primi sei mesi del 2021 per concludersi in 18 mesi. Saranno acquistati 5 nuovi treni e ammodernati radicalmente quelli esistenti.

DIECIMILA RAGAZZI IN PIAZZA PER IL CLIMA: CAMBIAMO IL SISTEMA

Circa diecimila ragazzi hanno sfilato questa mattina per le vie del centro di Roma per partecipare al Global Strike for future, lo sciopero mondiale contro i cambiamenti climatici nato dalla protesta dell’attivista svedese Greta Thunberg. In cima al corteo lo striscione che sintetizza la loro protesta: ‘Cambiamo il sistema, non il clima’. Gli studenti hanno chiesto giustizia climatica e rispetto degli accordi sottoscritti a Parigi nel 2015.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

24 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»