hamburger menu

F1, due donne pilota al volante della Alpine per le strade dell’Arabia Saudita

Aseel Al Hamad e Abbi Puling sono le prime donne al comando di una vettura di Formula 1 intorno alla capitale Riyad. Nel Paese le donne possono guidare solo dal 2017

f1 alpine pilota donna

(Foto Alpine)

ROMA – Due donne pilota al volante di una vettura di Formula 1. In Arabia Saudita. Loro sono Aseel Al Hamad e Abbi Pulling e l’iniziativa è stata promossa dalla Alpine, il team che schiera in griglia nel Mondiale Fernando Alonso e Esteban Ocon. “Abbiamo oltrepassato i confini“, dicono giustamente con orgoglio dalla scuderia francese, capace di organizzare un tour dimostrativo – grazie alla fondamentale collaborazione dell’Autorità per il turismo saudita – in cui per la prima volta due donne hanno guidato una vettura di F1 nelle strade intorno alla capitale Riyad, toccando anche il King Abdullah Financial District (KAFD) e la storica Diriyah.

Le due donne, alla vigilia del weekend di gara con la seconda tappa del Mondiale di Formula 1 a Jeddah, hanno guidato la Lotus E20 con motore V8 (utilizzata nel 2012 dall’allora scuderia di Enstone) con l’obiettivo di accendere sempre più i riflettori su nuove possibilità per il genere femminile anche in Paesi ‘difficili’ sulla questione dei diritti e delle pari opportunità. Solo dal 2017, infatti, alle donne è consentito guidare.

f1 alpine pilota donna

Al Hamad rappresenta l’Arabia Saudita nella commissione FIA ‘Women in Motorsport’ ed è anche un membro del consiglio della Saudi Automobile & Motorcycle Federation. “È stato bellissimo guidare la vettura e ancora più speciale farlo nel mio Paese, l’Arabia Saudita e nella mia città natale, Riyad. Spero che questo ispiri più generazioni ad innamorarsi della Formula 1 e che più donne considerino il motorsport come una carriera futura. Non importa il genere, bisogna mostrare il talento”.

Pulling, invece, è una 19enne pilota francese che quest’anno gareggerà nella W Series e fa parte della Academy Alpine. “È molto importante incoraggiare e supportare i giovani talenti femminili a realizzare le loro ambizioni. È super importante per me e per le prossime generazioni”.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-03-24T15:40:12+02:00