VIDEO | Violenza donne, Villani (Sip): “Il pediatra può segnalare casi e aiutare”

Mazzone (Sispe): "Tenere alta l'attenzione soprattutto in momenti di lockdown"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La Società italiana di pediatria (Sip), le pediatre e i pediatri italiani contro la violenza, contro la violenza verso le donne, contro la violenza verso i bambini, contro ogni forma di violenza”. A sottolinearlo con forza è il presidente Sip, Alberto Villani, in un video realizzato in occasione del 25 novembre ‘Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne’. “Il pediatra- ricorda Villani- ha un ruolo molto importante nell’individuare e segnalare tutti i casi, tutte le donne possono fare affidamento sul pediatra come aiuto concreto nei casi di difficoltà”.

Parla chiaro anche Teresa Mazzone, presidente del Sindacato italiano specialisti pediatri (Sispe), che invita tutti a tenere alta l’attenzione, soprattutto ora con le limitazioni imposte dalle misure di prevenzione del contagio: “I periodi di chiusura e di isolamento possono aggravare questa situazione. Bisogna avere un occhio di maggiore riguardo nei confronti di ipotetiche situazioni su cui possiamo nutrire dei sospetti” avverte la pediatra.

In linea con Villani, Mazzone sottolinea poi: “La prevenzione della violenza e una buona educazione sul rispetto delle persone indipendentemente dal sesso iniziano già nella prima infanzia. La madre e il padre faranno opera di educazione sui propri figli a rispettare se stessi, gli altri e i soggetti di sesso diverso dal loro”. Inoltre, “le violenze contro le donne sono generalmente taciute- evidenzia il medico- e si rendono note solo di fronte agli episodi eclatanti di femminicidio. Il pediatra– rimarca Mazzone- avendo un rapporto di fiducia con le mamme, può avere la possibilità di intercettare le situazioni a rischio”

‘RIDAMMI IL ROSA’

E’ da tempo che la Sip porta avanti il suo impegno contro la violenza sulle donne tanto da averlo anche messo in musica con il videoclip ‘Ridammi il rosa’ (visibile a questo link: https://sip.it/2019/06/05/pediatri-contro-la-violenza-sulle-donne/), progetto che ha vinto il premio ‘Amalia Vilotta’, in occasione del 14esimo Festival Internazionale Ruggero Leoncavallo. Il testo è stato scritto da Pietro Ferrara, professore di Pediatria dell’Universita’ Campus Bio-Medico di Roma, presidente della Sip sezione Lazio oltre che referente Sip per il maltrattamento e l’abuso, e messo in musica dalla cantante Federide. Un coro di pediatri e pediatre per dire no ad ogni forma di violenza. “La violenza assistita in famiglia, che nei casi più drammatici culmina nel femminicidio, lascia tracce indelebili nel fisico e nella psiche del bambino”, spiega Ferrara. Perché dietro il maltrattamento di una donna, spesso c’è un bambino che soffre. “Il rosa mitiga il rosso, colore della passione, attraverso la sua fusione con bianco, colore della purezza e della voglia di ritrovare affetti, sentimenti, emozioni”, conclude il medico.

LEGGI ANCHE: Violenza donne, i pediatri italiani in coro: ‘Ridammi il rosa’

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»