Giornata Internazionale della donna, i pediatri italiani in coro: ‘Ridammi il rosa’

Una poesia scritta da Pietro Ferrara e messa in musica con la cantante Federide, per dire no ad ogni forma di violenza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – In occasione della Giornata Internazionale della donna anche i pediatri della Società Italiana di Pediatria (Sip) celebrano la ricorrenza con ‘Ridammi il rosa‘, la poesia scritta da Pietro Ferrara, docente di Pediatria al Campus Biometico e all’Università Cattolica, anche referente Sip per il maltrattamento e l’abuso.

VIDEO | #RIDAMMIILROSA, SIP e Dire contro la violenza sulle donne

La poesia, messa in musica con la cantante Federide, è un coro per dire no ad ogni forma di violenza.

“La violenza assistita in famiglia, che nei casi più drammatici culmina nel femminicidio, lascia, infatti, tracce indelebili nel fisico e nella psiche del bambino”, spiega Pietro Ferrara. Perchè dietro il maltrattamento di una donna, spesso c’è un bambino che soffre.

La poesia ‘Ridammi il Rosa‘ ha vinto il premio ‘Amalia Vilotta’, in occasione del 14esimo Festival Internazionale Ruggero Leoncavallo.

“Il rosa mitiga il rosso, colore della passione, attraverso la sua fusione con bianco, colore della purezza e della voglia di ritrovare affetti, sentimenti, emozioni”, illustra il medico.

Come pediatri “non possiamo rimanere indifferenti a questo tema”, dichiara il presidente della Sip, Alberto Villani, che aggiunge: “Istituzioni e società scientifiche devono contribuire a fare emergere ogni forma di violenza e difendere i diritti delle donne e dei bambini nella nostra società”, conclude.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»