Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tennis, Djokovic ‘beccato’ con un ex comandante che partecipò al genocidio di Srebrenica

djokovic novak
Il sito bosniaco 'Faktor' ha pubblicato una foto che ritrae il campione con Milan Jolovic, ex comandante dell'esercito serbo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Francesco Mazzanti

ROMA – Una foto, pubblicata domenica dal sito bosniaco ‘Faktor’, ritrae il tennista numero uno al mondo Novak Djokovic con Milan Jolovic, soprannominato ‘Leggenda’ ed ex comandante dell’unità dell’esercito serbo ‘Drina wolves’ che partecipò al genocidio di Srebrenica, la città bosniaca dove, tra l’11 e il 19 luglio del 1995, le forze serbe uccisero tra i 7.000 e gli 8.000 uomini di fede musulmana. I cadaveri furono poi seppelliti in fosse comuni.


Dopo quei fatti, Jolovic viene celebrato in Serbia per aver salvato la vita al generale Ratko Mladic, che però, nel 2017, venne dichiarato colpevole di genocidio e condannato all’ergastolo proprio per i fatti di Srebrenica dal Tribunale penale internazionale per l’ex Jugoslavia delle Nazioni Unite.

Lo stesso sito bosniaco inoltre accusa l’atleta serbo di aver partecipato, durante una recente visita in Bosnia, a un matrimonio in cui è stato ripreso mentre cantava con Milorad Dodik, membro serbo della Presidenza della Bosnia ed Erzegovina, noto per le sue posizioni negazioniste a proposito del genocidio di Srebrenica e tra i principali sostenitori della secessione dal Paese della regione bosniaca a maggioranza serba. Il tennista non ha ancora risposto alle accuse.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»