fbpx

Tg Riabilitazione, edizione del 23 settembre 2020

FISIOTERAPISTI, IN CLUB SPORTIVI SOLO ISCRITTI ALBO

E’ “inammissibile che le Federazioni sportive possano annoverare, nel proprio Settore tecnico, professionisti sanitari che non risultano iscritti agli albi o agli elenchi speciali degli Ordini professionali”. Questa la posizione di Alessandro Beux, presidente della Federazione nazionale Ordini dei Tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione, che ha inviato una lettera al ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, con la richiesta di un incontro per “discutere il problema”.

NASCE COORDINAMENTO PROFESSIONI SANITARIE: MOMENTO È TOPICO

Nasce il Coordinamento Nazionale delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione. La prima riunione del neo costituito Coordinamento Nazione è servita a fare il punto sul particolare momento politico, professionale e contrattuale che attualmente vivono tutti i professionisti sanitari ma, come ovvio, con un focus particolare alle 19 figure che sono riunite nell’ordine TSRM-PSTRP (fra i primi 3 per numero di iscritti in Italia). Uno dei primi impegni, fanno sapere “sarà sensibilizzare le parti politiche istituzionali per restituire dignità alle nuove professioni sanitarie”.

SLA, FISIOTERAPISTI A FIANCO PAZIENTI E CAREGIVER

In occasione della giornata della SLA, i fisioterapisti del GIS Neuroscienze in seno ad AIFI hanno espresso vicinanza concreta e operativa a tutti i pazienti, alle famiglie, ai caregiver, alle associazioni dei cittadini che operano in questo ambito cosi’ delicato. “Affrontare la Sclerosi Laterale Amiotrofica è una sfida che richiede una rete assistenziale basata su qualità e competenza, continuità di interventi e collaborazione tra i soggetti coinvolti” ha affermato Maurizio Petrarca, presidente del Gruppo di Interesse Specialistico Neuroscienze-AIFI. “La fisioterapia in questo ambito- ha proseguito Petrarca- più che in altri contesti deve essere personalizzata al fine di individuare soluzioni insieme alla persona affetta da SLA e in stretta collaborazione con tutti gli altri operatori”.

DISTROFIA MUSCOLARE DUCHENNE, PIÙ COLPITI GLI UOMINI

La distrofia muscolare di Duchenne e’ una patologia neuromuscolare che e’ caratterizzata da una degenerazione progressiva dei muscoli scheletrici. La malattia colpisce soprattutto i maschi. I sintomi si manifestano nella prima infanzia con problemi nella deambulazione. A spiegare all’agenzia di stampa Dire l’importanza della presa in carico multidisciplinare del paziente, a cominciare dalla fisioterapia, e’ la dottoressa Martina Sandonà, ricercatrice del laboratorio di Epigenetica della Fondazione Santa Lucia Irccs di Roma.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

23 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»