hamburger menu

Tg Riabilitazione, edizione del 13 aprile 2022

In questa edizione parliamo di: anticorpi monoclonali e morbo di Parkinson; stimolazione magnetica transcranica (Tms); il corso di chirurgia per la patologia degenerativa lombo-sacrale dell'Asl Viterbo; 'Health Revolution', il libro di Annamaria Acquaviva

tg riabilitazione 13 aprile

PARKINSON, SEGNALI PROMETTENTI DA ANTICORPI MONOCLONALI

Il Parkinson è la malattia neurodegenerativa progressiva più diffusa, dopo l’Alzheimer, nel mondo. Non esistono tuttavia dati certi circa il numero di malati in Italia per cui si hanno solo stime basate sul consumo dei farmaci specifici. Sono due i trial più importanti in corso presso il San Raffaele Irccs di Roma, uno con un anticorpo monoclonale somministrabile per via endovenosa e l’altro per via orale: entrambi vanno a bloccare la proteina quando si trasferisce da una cellula all’altra. La malattia di Parkinson è caratterizzata da disturbi di tipo motorio, come: la lentezza nel movimento, il tremore a riposo, la rigidità, la postura in flessione e l’andatura strascicata a ‘piccoli passi’, possono coesistere anche deficit dell’equilibrio. “La terapia non può dunque prescindere dall’approccio farmacologico, ma è fondamentale che quest’ultimo sia associato a un mirato trattamento riabilitativo occupazionale, logopedico e neuromotorio che al San Raffaele diventa anche personalizzato grazie all’utilizzo di robot e tecnologie all’avanguardia”, ha dichiarato Fabrizio Stocchi, direttore del Centro Parkinson e Parkinsonismi.

TMS STRUMENTO IN PIÙ CONTRO PATOLOGIA PARKINSON E ALZHEIMER

Un numero elevato di pazienti con malattia di Parkinson soffre di depressione. Un disturbo che, in queste persone, ha una doppia causa: una base reattiva e una base organica. Una sfida importante nel trattamento della depressione nei pazienti con malattia di Parkinson è l’insorgenza di effetti collaterali con i comuni farmaci antidepressivi, perché molto spesso sono controindicati se assunti contemporaneamente ad alcuni farmaci dopaminergici. “La Stimolazione Magnetica Transcranica (Tms) sta offrendo nuove prospettive terapeutiche nel campo delle patologie causate da una perdita progressiva e irreversibile delle cellule nervose- ha detto Graziella Madeo, neurologa e direttrice dell’Unità di Neuromodulazione e Ricerca Clinica del Centro clinico Brain&Care- Purtroppo, ad oggi, non abbiamo terapie risolutive, nel senso che i farmaci non bloccano il processo che porta le cellule a morire. Per questo la ricerca e la clinica si stanno orientando verso metodiche in grado di controllare e rallentare i sintomi di queste patologie migliorando la qualità di vita dei pazienti. La Tms si pone proprio in questa prospettiva, come uno strumento adiuvante di terapie già esistenti, anche nell’ambito delle patologie neurodegenerative più diffuse, Parkinson e Alzheimer”, ha concluso la co-responsabile scientifica del corso Ecm residenziale e live streaming su ‘L’approccio clinico integrato e la Tms in ambito neurologico e psichiatrico’, promosso da LetscomE3 in collaborazione con Brain&Care, a margine di un evento che si è svolto a Rimini.

ASL VITERBO: CORSO CHIRURGIA PATOLOGIA DEGENERATIVA LOMBO-SACRALE

L’unità operativa di Neurochirurgia della Asl di Viterbo, diretta da Riccardo Antonio Ricciuti, con il patrocinio della Sinch-Società Italiana di Neurochirurgia (di cui il dottor Ricciuti è responsabile della sezione di Neurochirurgia funzionale) hanno organizzato presso l’ospedale Belcolle di Viterbo un importante corso di live surgery di caratura nazionale e internazionale, in collegamento con il blocco operatorio e con l’aula tecnologica dell’ospedale viterbese, riguardante la chirurgia strumentata complessa per la patologia degenerativa lombo-sacrale. “La neurochirurgia viterbese- ha commentato Ricciuti- è sempre più attiva e interpellata nella partecipazione di corsi di livello nazionale e internazionale ed è sensibile alla formazione dei giovani specialisti. La formazione è un aspetto fondamentale della nostra vita professionale e rende importante e utile il nostro lavoro quotidiano. È un onore poter trasferire ai giovani specialisti le nostre peculiarità e metterli in contatto con esperti di livello internazionale della materia. La formazione dovrebbe rappresentare un importante scopo del nostro lavoro. Sono convinto che si possano raggiungere tali risultati solo lavorando in un contesto favorevole aziendale come è a tutt’oggi quello della Asl di Viterbo”.

HEALTH REVOLUTION: PRESENTATO IL VOLUME DI ANNAMARIA ACQUAVIVA

Il dolore alle articolazioni influisce sulla qualità generale della vita. Sono diversi i fattori che concorrono a mantenerle in salute su tutti esercitare un’attività fisica costante e mantenere un peso adeguato. Sono concetti semplici ma a volte è difficile metterli in pratica. Ecco che il connubio tra nutrizione personalizzata, armonia interiore, attività fisica, riposo adeguato e integrazione alimentare aiutano a ritrovare l’armonia d’insieme e a stare in salute, senza esagerare. Si tratta dei cinque pilastri per compiere quella ‘health revolution’ che dà il nome al titolo del libro della nutrizionista Annamaria Acquaviva, presentato nel palazzo di Varignana, sulle colline del Bolognese. L’autrice ha dialogato con professori, docenti, medici ed esperti sui concetti di salute e longevità, con un momento dedicato anche alla degustazione sensoriale dell’olio prodotto direttamente dai terreni del Palazzo di Varignana. Un luogo non casuale dove il concetto di health si affianca a quello del benessere.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-04-13T13:40:57+02:00