‘A riveder le stelle’: in piazza con Greta anche contro l’inquinamento del Cielo

Flash Mob al Gianicolo: "Tre quarti della popolazione italiana non vede più la Via lattea"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Guidati dalle idee di Greta Thunberg i giovani si preparano a tornare in piazza per la seconda Giornata mondiale di mobilitazione per il Clima, il 24 maggio. La tutela della Terra è il cuore della protesta contro le politiche che hanno portato inquinamento e distruzione, ma ad essere coinvolto è anche il Cielo. Già, perché a causa dell’urbanizzazione e, in generale, delle troppe luci artificiali, tre quarti della popolazione italiana non vede più la Via Lattea. Per questo motivo, a Roma, è stato organizzato il primo flash mob per sensibilizzare sulla tematica dell’inquinamento luminoso: si chiama ‘A riveder le stelle’ e si terrà alla Rotonda del Gianicolo, a Roma, venerdì 24 alle 21. Ad organizzarlo The Virtual Telescope Project e Roma Best Practices Award, con il patrocinio del Roma Municipio I Centro e di Fridaysforfuture-Roma.

Troppa luce fa male, ecco i danni dell’inquinamento luminoso VIDEO

Il cielo stellato, “fondamentale elemento del paesaggio naturale e della cultura universale, è a rischio di estinzione“, ammoniscono gli organizzatori. “Il dilagare dell’inquinamento luminoso, dovuto a un utilizzo irrazionale della luce artificiale, rende ormai impossibile godere della vista straordinaria del paesaggio stellato, rappresentando peraltro un immenso spreco di denaro. La stragrande maggioranza della popolazione mondiale vive sotto un cielo in cui brillano a fatica una dozzina di stelle, invece delle migliaia che vedremmo normalmente“.

In tempi in cui “si auspica una maggiore considerazione per l’ambiente in cui viviamo, la tutela del cielo stellato, dei suoi infiniti significati scientifici e culturali diventa spontaneamente un simbolo di tale consapevolezza. Anche l’International Astronomical Union, attraverso l’iniziativa “Dark Skies for All” (“Cieli bui per tutti”) intende sostenere la tutela di un questo prezioso patrimonio. Temi su cui è importante riflettere anche in occasione della Giornata Internazionale Unesco per la Luce, che si è celebrata il 16 maggio scorso. Per questo invitiamo tutti a partecipare a questa iniziativa: portate i vostri telescopi, i vostri binocoli, le vostre macchine fotografiche e se non le avete venite lo stesso: potrete ammirare il cielo con i nostri strumenti”.

Tra gli altri, saranno presenti con i loro telescopi l’Associazione Romana Astrofili, l’associazione AstronomiAmo e l’associazione astrofili Astris.

FOTO | VIDEO | Greta a Roma, in migliaia per la paladina del clima: “Stiamo cambiando il mondo”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

23 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»