In Uganda è vietato dare l’elemosina ai bambini di strada

Lo prevede una legge approvata in questi giorni dal parlamento di Kampala che mirerebbe a contrastare lo sfruttamento dei minori a scopo commerciale o sessuale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – In Uganda offrire cibo, denaro o altre regalie ai bambini che vivono in strada diventa reato penale: lo prevede una legge approvata in questi giorni dal parlamento di Kampala, che mirerebbe a contrastare lo sfruttamento dei minori a scopo commerciale o sessuale. 

Secondo il sindaco della capitale, Erias Lukwago, con il provvedimento si intende colpire trafficanti di esseri umani, intermediari o anche genitori che approfittino dei bambini facendo loro vendere mercanzie o chiedere l’elemosina. La legge, riferiscono quotidiani e portali di informazione ugandesi, prevede multe ma anche condanne al carcere, fino a sei mesi. 

Secondo il governo, a Kampala i bambini di strada di età compresa tra i sette e i 17 anni sono all’incirca 15mila. Tra le nuove fattispecie di reato figurano l’affitto di appartamenti che servano allo sfruttamento sessuale dei minori o favoriscano loro attività commerciali. Il problema dei bambini di strada non riguarda solo l’Uganda ma anche altri Paesi africani. Provvedimenti tesi a tutelare i minori, anche vietando l’elemosina, sono stati approvati mesi fa ad esempio in Senegal.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

23 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»