hamburger menu

Pisa, morte cerebrale per la psichiatra Barbara Capovani aggredita da un ex paziente

Al termine del periodo di osservazione si procederà alla donazione degli organi

Pubblicato:23-04-2023 11:13
Ultimo aggiornamento:25-04-2023 13:19
Canale: Toscana
Autore:
barbara capovani_pisa
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

(Foto da Twitter)

ROMA – È stata presa a sprangate in testa da un uomo che la attendeva all’uscita dell’ospedale Santa Chiara di Pisa. La vittima è Barbara Capovani, una psichiatra responsabile dell’unità funzionale Salute mentale adulti e Spdc del nosocomio. La donna è stata trasportata in gravissime condizioni all’ospedale di Cisanello, ma per le non c’è stato niente da fare e i medici hanno iniziato le procedure per dichiarare la morte celebrale.

La Polizia di Stato di Pisa, alle ore 4 di questa notte, ha eseguito un fermo disposto dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Pisa, a seguito di serrate indagini condotta dalla Squadra Mobile, nei confronti di un italiano 35 enne, ritenuto il presunto autore del tentato omicidio premeditato della dottoressa Barbara Capovani. Lo fa sapere una nota della Polizia.

Il presunto omicida sarebbe un ex paziente Gianluca Paul Seung originario di Torre del Lago (Viareggio), già noto alle forze dell’ordine per un’aggressione davanti al tribunale di Lucca nel 2022.

BOLLETTINO DELLE 18: INIZIO PROCEDURA MORTE CEREBRALE

“Oggi pomeriggio, intorno alle 17.40, al termine della verifica di tutti gli esami clinici e strumentali necessari, la commissione di specialisti ha disposto sulla paziente l’inizio della procedura di accertamento di morte cerebrale la cui conclusione è prevista intorno alle 23.40. Al termine del periodo di osservazione si procederà alla donazione degli organi, assecondando in tal modo una sua espressa volontà che i familiari hanno condiviso”. Questo il contenuto del bollettino medico congiunto Azienda ospedaliero-universitaria pisana e Azienda Usl Toscana nord-ovest.

LEGGI ANCHE: Gianluca Paul Seung, sui social l’ossessione per la dottoressa aggredita e i post deliranti

ANELLI (FNOMCEO): “ATTO GRAVE CHE CI ADDOLORA NEL PROFONDO”

”La violenza perpetrata a Pisa nei confronti della collega responsabile dell’unità funzionale di Salute Mentale Adulti dell’ospedale Santa Chiara è un atto gravissimo, che ci addolora nel profondo e che ci riporta alla mente il barbaro assassinio della psichiatra Paola Labriola. In queste ora siamo tutti vicini alla collega, perché riesca a farcela, alla sua famiglia, e anche ai sanitari dell’ospedale, all’Ordine dei Medici di Pisa e al suo Presidente, Giuseppe Figlini”. Così il Presidente della Fnomceo, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, Filippo Anelli, raggiunto dalla notizia dell’aggressione, a Pisa, della psichiatra.
Solo nell’ultimo anno in Toscana si sono contate 1258 aggressioni a medici e operatori degli ospedali, di cui 935 verbali e 323 fisiche – sottolinea il Segretario della Fnomceo, Roberto Monaco, che è anche Presidente dell’Ordine dei Medici di Siena – con conseguenti 193 denunce per infortuni. Quasi un episodio di violenza fisica al giorno. Dobbiamo proteggere i nostri operatori, prevenendo la violenza sia direttamente, rendendo sicuri ospedali e ambulatori, sia con un’opera di educazione e informazione ai cittadini”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2023-04-25T13:19:38+01:00

Ti potrebbe interessare: