Difesa, a Firenze il giuramento di 38 allievi della Scuola Militare Aeronautica ‘Douhet’

Il concorso per la Scuola Douhet è ancora in atto, le iscrizioni si chiudono il 6 maggio.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Si è svolta oggi a Firenze la cerimonia di giuramento dei giovani Allievi della Scuola Militare Aeronautica Firenze. Hanno pronunciato l’atteso ‘Sì alla Patria‘ i 38 Allievi della Scuola Militare Aeronautica “Giulio Douhet” giurando fedeltà alla Repubblica Italiana presso il piazzale bandiera dell’Istituto di Scienze Militari Aeronautiche (ISMA), Comandato dal Generale di Brigata Aerea Urbano Floreani. Lo fa sapere l’Aeronautica militare in una nota sul sito della Forza Armata.

La cerimonia, presieduta dal Comandante delle Scuole dell’Aeronautica Militare, Generale di Squadra Aerea Aurelio Colagrande, è stata aperta dall’intervento del Colonnello Davide Rosellini, Comandante della Scuola Militare Aeronautica, il quale ha voluto condividere con i ragazzi il proprio personale significato delle tre parole che contraddistinguono la cerimonia odierna: Giuramento, Fedeltà e Patria. “La mia patria- ha evidenziato il Comandante- è l’onore, il coraggio e l’eroico sacrificio dei nostri caduti; la mia patria è chi, ogni giorno, con senso del dovere, serve accanto a me; la mia patria è dove sono in volo o impegnati in missione i miei colleghi, i miei amici, i miei fratelli; è ovunque ci sia il tricolore che porto sempre nel cuore”.
Nel suo intervento il Generale Colagrande ha prima ringraziato le Autorità e tutti i presenti, che con la loro testimonianza di vicinanza hanno voluto rendere ancora più significativa la giornata, rivolgendo inoltre un rispettoso saluto al Gonfalone della Città di Firenze, decorato di medaglia d’oro al valor militare, ed ai gonfaloni della Regione Toscana e della Città Metropolitana, la cui presenza simboleggia la vicinanza del territorio toscano alla Scuola ed all’Arma Azzurra.

Il Generale Colagrande ha sottolineato: “I nostri sforzi sono tutti orientati nel farvi apprendere il metodo per affrontare con successo i vostri impegni futuri e nel fornirvi una formazione fatta non solo di nozioni, ma anche di ideali e di valori, quelli dell’etica militare, tipici della nostra organizzazione, che una volta acquisiti vi accompagneranno in ogni impresa”.
Nel corso della cerimonia inoltre, a testimoniare l’importanza del momento di Giuramento alla Repubblica degli Allievi del Corso Sirio- spiega la nota- una formazione di due velivoli Eurofighter del 51° Stormo di Istrana (TV) hanno effettuato un sorvolo sul piazzale bandiera dell’Istituto.

Alla cerimonia di Giuramento è seguito il Battesimo del Corso che ha assunto il nome “Sirio”, stella della costellazione del Cane Maggiore, a simboleggiare lo slancio degli Allievi verso il proprio futuro ed i propri obiettivi. Il motto scelto dal Corso è ‘Splendor Visus, Signum Potentiae’: lo splendore dello sguardo, segno di potenza. Quale padrino del Corso Sirio è stato designato il Generale di Brigata Aerea Urbano Floreani, Comandante dell’ISMA, il quale ha consegnato nelle mani del Capo Corso il vessillo che identificherà e accompagnerà per sempre il Corso medesimo. Il Generale Floreani accompagnerà i giovani nel percorso militare divenendo un indissolubile punto di riferimento etico, morale e nella crescita professionale.

Il Liceo Militare Aeronautico “Giulio Douhet” (inaugurato nel 2006) così come le altre Scuole Militari (Nunziatella di Napoli, Teulié di Milano e Morosini di Venezia)- ricorda la nota- è un istituto di istruzione secondaria di secondo grado, che svolge i corsi del secondo triennio negli indirizzi classico e scientifico, al quale si accede per concorso pubblico.
Attualmente sono in forza alla Scuola Douhet 117 Allievi, 66 ragazzi e 51 ragazze, suddivisi nel Corso Perseo al terzo ed ultimo anno di frequenza, il Corso Rigel al secondo anno di frequenza ed il Corso Sirio, incorporato lo scorso 22 settembre 2020.

Il concorso per la Scuola Douhet è ancora in atto, le iscrizioni si chiudono il 6 maggio.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»