hamburger menu

Madagascar, padre Franck (Radio Don Bosco): “Ciclone Emnati sferza un Paese devastato”

I suoi abitanti "sono sfollati a migliaia e fanno i conti con un'agricoltura completamente distrutta"

23-02-2022 19:03
ciclone
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Mentre il ciclone Emnati colpisce le coste sud-orientali del Madagascar, alle prese con la quarta grande tempesta in circa un mese, i suoi abitanti “sono sfollati a migliaia e fanno i conti con un’agricoltura completamente distrutta: ci vorranno cinque anni per riavere i frutti da molti alberi e per poter raccogliere diverse colture fondamentali”. A parlare è padre Eric Franck, direttore di ‘Radio Don Bosco Madagascar’, sede nella capitale Antananarivo ma corrispondenti in tutta l’isola. Il religioso parla all’agenzia Dire nel pieno di una situazione delicata per il Paese insulare, 400 chilometri a largo delle coste del Mozambico nell’Oceano Indiano: il Madagascar si sta ancora riprendendo dal ciclone intenso Batsirai, che a inizio febbraio ha causato circa 120 vittime e 120mile sfollati, che già deve affrontare Emnati.

Per il momento non ci sono notizie di feriti e vittime. Secondo padre Franck “si sta comportando in modo simile a Batsirai, causando piogge molto abbondanti”. Si prevede che già nei prossimi giorni la perturbazione prenda di nuovo la strada del mare, inoltrandosi nel canale di Mozambico che divide il Madagascar dal continente per poi risparmiare l’entroterra africano, a differenza dei suoi predecessori di quest’anno, come appunto Batsirai ma anche la tempesta Ana, che ha colpito il Paese a fine gennaio.

“Decine e decine di persone sono morte, molte case parzialmente o completamente distrutte mentre decine di migliaia sfollate si trovano ora nei luoghi predisposti dalle autorità civili a dalle varie diocesi del Paese“, l’istantanea scattata dal salesiano. Numerosi e diversi i bisogni della popolazione, prostrata dalla serie di cicloni che, nelle regioni del sud, sono stati preceduti da mesi di siccità intensa. La prolungata mancanza di precipitazioni, secondo il Programma alimentare mondiale (Pam/Wfp) delle Nazioni Unite, ha determinato una condizione che ha messo in pericolo di vita per carenza di cibo circa 400mila persone.

 “Al momento – spiega padre Franck – i bisogni più urgenti della popolazione sono quelli basilari: ricostruzione o riparazione della case; beni di prima necessità come vestiti e cibo”. La congregazione dei salesiano di Don Bosco, prosegue il religioso, “aiuta le persone più vulnerabili colpite dalle tempeste, fornisce riso e anche aiuti finanziari”. Un lavoro di sostengo a cui si aggiunge quello della radio, spiega il salesiano: “Informiamo tramite le nostre diverse emittenti – sottolinea padre Franck -, e con i nostri programmi spingiamo funzionari statali e amministrazione a prendersi le loro responsabilità e a prendere le misure adeguate per aiutare la popolazione”. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-02-23T19:03:55+02:00