Awori dall’Uganda alla Svizzera canta l’esilio africano

awori
L'album 'Ranavalona' è dedicato all'ultima regina del Madagascar
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROM – Awori, stella della musica pop tra Africa ed Europa, ha dedicato il suo primo album a Ranavalona III, l’ultima regina del Madagascar, che nel XIX secolo tentò di opporsi al dominio della Francia sull’isola e alla fine dovette abbandonare il suo Paese.

LEGGI ANCHE: All’asta i ricordi di Ranavalona III, ultima regina del Madagascar

“Non si parla abbastanza di questa figura della resistenza, costretta all’esilio dai colonialisti francesi” ha detto l’artista, di 32 anni. La cantante, di origine ugandese e residente in Svizzera, alla testata Jeune Afrique ha detto che “la storia dell’ultima regina malgascia è simile a quella delle migrazioni obbligatorie che tanti popoli africani subiscono in tutto il continente”. I suoi brani musicali, allora, trattano anche di ingiustizie subite dagli africani della diaspora.

L’album ‘Ranavalona’ è stato prodotto dall’etichetta discografica francese Galant Records ed è uscito l’8 marzo, in coincidenza con la Giornata internazionale dei diritti delle donne.
Sul suo profilo Instagram, la cantante ha spiegato di essersi affidata “all’ispirazione e alla protezione” della regina malgascia, nota anche per le lettere in cui esortava i dignitari dell’isola a non tagliare gli alberi per il bene dell’ambiente. “Ho riversato in questo album il mio cuore, il mio animo e le mie lacrime” ha scritto Awori.

La cantante ha raccontato di aver vissuto in prima persona la nostalgia per la sua terra e la solitudine quando, a undici anni, dovette lasciare Kampala per trasferirsi in Svizzera con la famiglia, dove non conosceva nessuno né la lingua locale. Ecco perché nel suo album la 32enne canta anche in Luganda, una delle lingue native dell’Uganda.

La passione per le sonorità e il ritmo della musica africana nasce anche dal fatto che i genitori ascoltavano i successi della star sudafricana Miriam Makeba, per poi scoprire la rumba congolese, l’hip hop e l’R&b. Tra le sue canzoni però trova posto anche la politica: una in particolare è dedicata al capo dell’opposizione Bobi Wine, l’ex star della musica che da tre anni ha lasciato il palcoscenico e a gennaio ha sfidato alle urne il presidente Yoweri Museveni, in carica dal 1986, uscendone sconfitto. “Bobi Wine, e come prima di lui il leggendario gruppo ugandese Afrigo Band, fa parte di questa generazione di artisti militanti che trasmettono messaggi politici attraverso la musica” ha detto Awori. Secondo la cantante, Wine “conosce la realtà dei bassifondi e dei poveri di Kampala ed è sempre stato dalla parte della gente. Ma oggi sta pagando per le sue posizioni e sopportando infinite repressioni della polizia“.
Proprio oggi l’oppositore è stato arrestato e poi dopo qualche ora rilasciato per aver guidato un corteo di protesta a Kampala con cui denunciare arresti e violenze contro diversi sostenitori e membri del suo partit, la National Unity Platform.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»