Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Oms: “In Europa entro marzo possibili 500mila morti in più per Covid”

coronavirus
Aumento dei nuovi contagi per basse temperature, scarsa copertura vaccinale e predominanza della variante Delta
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  “Siamo molto preoccupati per la diffusione del Covid-19 in Europa, dove entro marzo si potrebbero registrare 500.000 morti in più, a meno che non vengano prese misure urgenti”. A lanciare l’allarme il direttore dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) per l’Europa, Hans Kluge. Intervistato dalla Bbc, Kluge ha aggiunto che “un aumento dell’uso della mascherina potrebbe aiutare immediatamente” e che “alla base della diffusione di nuovi contagi ci sono fattori come la stagione invernale, la copertura vaccinale insufficiente e la predominanza e la maggiore trasmissibilità della variante Delta”.

LEGGI ANCHE: Covid, in Germania contagi da record. L’italiano a Berlino: “Niente allarmismi”

Covid, l’allarme degli anestesisti: “Terapie intensive rischiano intasamento entro un mese”

Dopo aver chiesto una maggiore diffusione del vaccino, l’attuazione di misure di base per la salute pubblica e nuovi trattamenti medici per aiutare a combattere l’aumento dei casi di infezione legati al coronavirus, Kluge ha tenuto a ribadire che “il Covid-19 è diventato ancora una volta la prima causa di mortalità nella nostra regione”, per poi precisare: “Sappiamo cosa bisogna fare per combattere il virus”. Hans Kluge ha inoltre affermato che le misure di vaccinazione obbligatorie dovrebbero essere viste come “ultima risorsa”, ma che sarebbe “molto opportuno” avere un “dibattito legale e sociale” sull’argomento. “Prima di questo- ha infine sottolineato- ci sono altri mezzi, come il Covid pass. Questa non è una restrizione della libertà, piuttosto è uno strumento per mantenere la nostra libertà individuale”, ha concluso.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»