Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Landini rilancia l’obbligo vaccinale: “Lo chiediamo da sei mesi”

maurizio landini
Il leader della Cgil: "Vedo che ora qualcuno si sta svegliando. Se avessimo affrontato il tema sei mesi fa, saremmo in una condizione diversa"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TORINO – “Sei mesi fa abbiamo abbiamo posto il tema di andare verso l’obbligo vaccinale, vedo che qualcuno dopo sei mesi si sta svegliando rendendosi conto che questo è un tema. Penso che sia quella la strada da affrontare con serietà, mi sembra un tema che sta venendo avanti in tutta Europa”. Così il segretario della Cgil Maurizio Landini, a Torino per l’assemblea dei lavoratori e delle lavoratrici Smat, l’azienda delle acque torinesi parte del gruppo Iren, si esprime sul tema dell’obbligo vaccinale, che secondo la Cgil resta la strada maestra.

Landini però non si oppone al green pass rafforzato: “Non sono contro a nulla. Noi pensiamo che se la questione fosse stata affrontata sei mesi fa, affrontando i problemi di formazione e informazione, saremmo in una condizione leggermente diversa, ma non voglio fare polemiche”. Il rischio è che l’argomento sul certificato verde oscuri i temi che la Cgil pone al Governo sulla legge di Bilancio: “Vorrei che la discussione fosse su come si crea lavoro, su come si combatte la precarietà, riforma del fisco e pensioni – sottolinea il segretario Cgil – e non vorrei che tornasse a essere uno strumento di distrazione”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»