Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Salvini: “Da Berlusconi solo per accordi locali”. Raggi? “Poteva fare di più”

Il leader della Lega ha parlato dalla festa Atreju 2018
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il centrodestra rinasce e finisce l’idillio Lega-M5s? Oggi Matteo Salvini lo smentisce, parlando alla festa di Atreju 2018, ventunesima edizione della festa della destra giovanile. “Io vado da Berlusconi e parlo solo di accordi locali”, dice infatti il ministro dell’Interno. Da parte sua, continua Salvini, “quando io prendo un impegno, lo voglio rispettare”. E quindi “il governo durerà 5 anni. Lo dico perché ci credo davvero”.

“Alle europee obiettivo alleanza populisti-Ppe, ma alla Orban”

Alle prossime europee l’obiettivo è puntare a un’alleanza “fra populisti e popolari. Naturalmente alla Orban e non alla Juncker, con il Lussemburgo non ho un buon rapporto”, dice Salvini  intervistato da Enrico Mentana sul palco di Atreju 2018.

L’attacco a Raggi: “Poteva fare di più”

“Io, da utente di Roma, la penso come molti altri cittadini, penso che dalla Raggi si aspettassero molto di più. Ogni giorno in macchina è un rally“, dice ancora il ministro dell’Interno.

“Decreto sicurezza, ci sarà allarme Onu, Osce, Croce Rossa…”

“La prossima settimana portiamo in Cdm la manovra e il decreto migranti-sicurezza”, conferma il ministro degli Interni. E ironizza: “Vi do uno scoop: lunedì, dopo l’approvazione del decreto sicurezza-migranti, ci sarà allarme dell’Onu, dell’Osce, della Croce rossa, bianca, dei vegetariani, dei vegani e degli animalisti perché limitiamo i diritti”. Ma Salvini respinge eventuali dubbi di costituzionalità sul suo decreto immigrati: “Ci saranno ricorsi. Se devo darmi un criterio di scelta, prima vengono i cittadini italiani” e “discuterò amabilmente con la Corte costituzionale”, se porrà rilievi. Del resto, taglia corto Salvini, “se avessi rispettato tutte le regole, di immigrati ne sarebbero arrivati 100-150mila, come negli anni passati. Le regole sono fatte per essere cambiate”.

“Utero in affitto mi fa schifo, è da Medioevo”

“A me l’idea dell’utero in affitto fa schifo, non è progresso, è una roba da medioevo”. Così Matteo Salvini ad Atreju. Così come, aggiunge il ministro degli Interni, “ho detto via ‘genitore 1 e 2’ e mi rimettete la mamma e il papà. Questo cos’è fascista, di destra, non so. Secondo me è di buon senso“, ha risposto a Mentana che gli chiedeva di rispondere alle accuse di essere fascista e razzista.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»