Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Disoccupati e centri sociali protestano al porto di Napoli contro il G20 Ambiente

manifestazione napoli g20
I manifestanti hanno occupato l'area terminal del porto commerciale per chiedere lo stop immediato del summit che prende avvio oggi nel capoluogo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Al porto commerciale di Napoli è in corso una manifestazione di un gruppo di appartenenti al movimento disoccupati ‘7 novembre’ insieme ad alcuni esponenti dei centri sociali per chiedere lo stop immediato del G20 Ambiente che prende avvio oggi nel capoluogo campano. In protesta è stata occupata l’area terminal definita “dell’inquinamento e dei licenziamenti”. Il gruppo sfila con uno striscione con su scritto “Lavoro, salute, ambiente. La vita è una sola. Insorgiamo”.

manifestazione g20 napoli

“Oggi blocchiamo il Porto di Napoli, polo strategico di tutto il Mediterraneo. La circolazione delle merci è attualmente uno dei fattori più inquinanti, da quella su gomma a quella su mare. Troppo spesso lavoratori e lavoratrici sono stati costretti a scegliere tra la disoccupazione e la tutela della vita e della salute”. Così gli attivisti della rete Bees Against G20 che rimarcano: “Oggi blocchiamo il porto perché noti i recenti sequestri di rifiuti tossici nei terminal, terminal del Gruppo colosso MSC”.

LEGGI ANCHE: Attivisti forzano le transenne in piazza del Plebiscito a Napoli: “Il G20 balla sul Titanic. Jatevenne”

500 tonnellate di rifiuti pericolosi all’interno del Terminal Soteco poi – ancora gli attivisti – altre 100 tonnellate di rifiuti tossici sapientemente occultati nei containers dell’azienda del gruppo MSC (muletti, parti di gru, pneumatici e motori). Gran parte di questo materiale altamente inquinante finiva nel fiumiciattolo Pollena, adiacente al terminal, e quindi in mare”. Gli attivisti proseguono: “I media non menzionano mai i padroni, ma questi terminal (Soteco, Conateco) da anni sono diventati, nei fatti, siti di stoccaggio e deposito di rifiuti di ogni tipo, e sono le aziende con le principali operazioni portuali nell’area demaniale dello scalo partenopeo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»