Domenica tour Sardine nella campagne di Taranto, ci sarà anche Mattia Santori

Incontreranno i braccianti italiani e stranieri per affrontare con loro la discussione sulle filiere etiche
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BARI – Ci sara’ anche Mattia Santori leader delle Sardine domenica nelle campagne di Lizzano (Taranto) per incontrare i braccianti italiani e stranieri e per affrontare con loro la discussione sulle filiere etiche. Il comune del tarantino e’ una delle tappe del tour che iniziera’ domani da Rovigo e terminera’ martedi’ prossimo a Savona.

“Le sardine saranno di fronte ai testimoni diretti di una catena che da sempre aggancia l’immigrato, la donna, il disoccupato costretto al ricatto di un caporalato che travestito da intermediatore o trasportatore detta legge e getta un’ombra nefasta su tutto il bello e il buono di questa terra”, spiegano e aggiungono: “Serve invertire un processo che non puo’ essere ineludibile, come dimostrano le tante aziende virtuose del territorio e che la politica deve prendere in considerazione come traccia programmatica, finanziando ricerca e innovazione, filiera etica, controlli, ma anche piu’ banalmente programmi di trasporto pubblico che siano in grado di sottrarre questo importante servizio al mercato dei caporali”. Per le sardine si tratta di “politica di prossimita’ ed e’ quello che ci attendiamo di sentire durante questa campagna elettorale – dicono – ed e’ quello che racconteremo in questa sorta di tour di partecipazione e conoscenza a chi conosce il nostro vino, il nostro olio, il nostro comparto orto-frutticolo di qualita’, ma non ha mai sentito da vicino la voce di chi si spende ogni giorno sotto il sole di Puglia”. Le sardine saranno sabato a Lecce nel parco di Belloluogo.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

22 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»