Bimbo cade dal carro di carnevale e muore: tragedia a Sciacca

È successo ieri sera durante la prima sfilata dei carri allegorici: il bambino, 4 anni, era salito sul carro quando era fermo. Poi avrebbe perso l'equilibrio e sarebbe caduto sbattendo la testa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Tragedia al Carnevale di Sciacca, cittadina in provincia di Agrigento. Nella serata di ieri un bambino di quattro anni è caduto da uno dei carri allegorici, nel corso della sfilata di uno dei carnevali più antichi di Sicilia, e ha sbattuto la testa. Immediata la corsa all’ospedale Giovanni Paolo II ma per il piccolo non c’è stato nulla da fare. La sfilata è stata immediatamente sospesa. “Una tragedia, sono senza parole”, afferma alla Dire il sindaco di Sciacca, Francesca Valenti. 

Stando alle prime ricostruzioni il bambino, di nome Salvatore, era salito sul carro allegorico “Volere volare”, costruito dall’associazione culturale ‘E ora li femmi tu’. Il carro in quel momento era fermo e il padre voleva scattargli qualche foto. Ma appena il carro si è messo in moto il bimbo ha perso l’equilibrio ed è caduto, sbattendo la testa. La Procura ha aperto un’inchiesta.

L’anno scorso si verificò una tragedia analoga a Bologna, dove un bimbo morì dopo una caduta da un carro durante la sfilata allegorico nel centro della città.

LEGGI ANCHE: Bologna, è morto il bimbo caduto dal carro di Carnevale

CORDOGLIO M5S ARS PER BIMBO MORTO AL CARNEVALE DI SCIACCA

Il gruppo parlamentare del Movimento 5 stelle all’Ars esprime in una nota “il proprio cordoglio e la propria vicinanza” alla famiglia del bambino morto in un incidente al Carnevale di Sciacca, in provincia di Agrigento. “Vicinanza anche all’intera comunità cittadina, sconvolta dall’accaduto, ai carristi e a tutti coloro che si erano prodigati per la buona riuscita della manifestazione”, conclude la nota dei deputati regionali M5s.

(La foto è d’archivio)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

22 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»