Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Vandalizzata la lapide della partigiana Osvalda Borelli a Garbagnate

lapide
Spezzata e gettata a terra la targa dedicata al medico antifascista, partigiana deportata nel lager di Bolzano. L'Anpi: “Atto ignobile”
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Nicolò Rubeis

MILANO – A Garbagnate, hinterland milanese, nella notte tra sabato e domenica è stata vandalizzata la lapide dedicata a Osvalda Borelli, medico antifascista, partigiana deportata nel lager di Bolzano. A denunciare l’episodio è l’Anpi meneghino. La lapide, posizionata sul ponte del canale Villoresi vicino alle scuole medie Galilei, è stata spezzata e gettata a terra. “Esprimiamo profonda indignazione e ferma condanna per questo atto che offende la memoria di una donna combattente per la libertà, che ebbe un ruolo significativo nella Resistenza”, dice Roberto Cenati, presidente dell’Anpi provinciale di Milano. “Questo grave atto offende i valori di Garbagnate- continua- città profondamente antifascista e democratica, che ha dato un contributo importante alla lotta di liberazione dal nazifascismo”.

Nel segnalare lo sfregio l’Anpi provinciale, unitamente all’Anpi di Garbagnate, chiede all’amministrazione comunale un intervento di rispristino e alle pubbliche autorità di trovare i responsabili “di questo ignobile atto” che costituisce “la negazione dei valori costituzionali e democratici per cui persone come Osvalda Borelli hanno combattuto e si sono sacrificate per la libertà di tutti noi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»