Di Maio: “Reddito di cittadinanza solo agli italiani”

"La possibilità era prevista in una proposta di legge già corretta nel 2016"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il reddito di cittadinanza agli stranieri annunciato ieri dal ministro Giovanni Tria? Il vicepremier Luigi Di Maio non è assolutamento d’accordo. “Noi abbiamo corretto questa proposta di legge anni fa. E’ singolare che torni in auge una prima proposta di legge che non è che prevedeva che andasse agli stranieri ma non prevedeva ancora la platea, quindi si rivolgeva a tutti. Ma è chiaro ed evidente che con i flussi migratori irregolari che ci sono in Italia è impossibile fare una misura come il reddito di cittadinanza senza sapere quale sia la platea”.

Nuove scintille, dunque, tra Di Maio e Tria, già alle prese in questi giorni con un ‘dibattito’ sul deficit sì deficit no. “E’ logico- prosegue Di Maio- che la devi restringere ai cittadini italiani. Per questa ragione noi l’abbiamo sempre ideata, scritta e portata avanti in questo modo. Ovviamente la prima forma era molto vaga e apriva questa possibilità, ma l’abbiamo corretta nel 2016 questa proposta di legge“. Lo dice il ministro e vice premier Luigi Di Maio, ospite a Radio Anch’io su Radio1 Rai.

Leggi anche: Tria: “Reddito di cittadinanza anche agli stranieri”

Leggi anche:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»