Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Stallo sulla giustizia, Cartabia non convince il M5s: “Tutti i processi devono arrivare a conclusione”

giuseppe_conte_imago
La risposta della Guardiasigilli ai procuratori Cafiero e De Raho sulla riforma del processo penale non soddisfa i grillini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Per il MoVimento 5 stelle è fondamentale che tutti i processi arrivino alla loro naturale conclusione e per questo abbiamo fatto nostri gli appelli lanciati ieri da Nicola Gratteri e Federico Cafiero de Raho. Ebbene sia il procuratore capo di Catanzaro che il procuratore nazionale Antimafia e Antiterrorismo, commentando l’impostazione della Riforma del processo penale messa a punto dalla ministra Marta Cartabia, hanno evidenziato il concreto rischio che almeno il 50% dei processi finisca per essere dichiarato improcedibile“. Lo dichiarano le deputate e i deputati M5s in commissione Giustizia alla Camera.

LEGGI ANCHE: Conte: “Dialogo sulla riforma della Giustizia, ma i processi non possono svanire”

“Oggi la Guardasigilli durante il question time a Montecitorio- aggiungono- ha dichiarato che ‘i processi per reati puniti con l’ergastolo non sono soggetti al regime dell’improcedibilità e per quelli che riguardano reati gravi sono possibili proroghe’. La verità è però che solo una piccola parte dei processi per mafia riguarda reati punibili con l’ergastolo“.

LEGGI ANCHE: Giustizia, sfida sugli emendamenti del M5s: Governo in pressing per il ritiro

“I processi contro la grande criminalità non si esauriscono con i maxi-processi nei confronti dei vertici delle organizzazioni. Anzi, più frequentemente, quando vengono indagate persone per associazione mafiosa, concorso esterno o reati aggravati per aver favorito la mafia, non si arriva affatto all’ergastolo“, concludono.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»