Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Cartabia: “Con la riforma della giustizia processi per mafia e terrorismo non andranno in fumo”

marta cartabia
La ministra della Giustizia interviene al question time alla Camera e assicura che i processi più gravi non sono a rischio improcedibilità
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La ministra della giustizia Marta Cartabia, intervenuta alla Camera nel corso del question time, risponde a distanza all’allarme lanciato dal procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri e dal procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero De Raho sui rischi per la sicurezza nazionale dovuti all’improcedibilità prevista dalla riforma della giustizia approvata dal Consiglio dei Ministri. “Spesso si è detto in questi giorni: i procedimenti di mafia e terrorismo andranno in fumo. Non è così, perché i procedimenti che sono puniti con l’ergastolo, e spesso lo sono quelli per mafia, non sono soggetti ai termini dell’improcedibilità. E per i reati più gravi si prevede, in ogni caso, una possibilità di proroga”.

LEGGI ANCHE: Conte nei guai: Vietnam ‘grillino’ sulla riforma della Giustizia, ma Draghi non mollerà

Dopo la pioggia di emendamenti presentati alla Camera al testo sulla giustizia, 1.356 in tutto di cui 916 del Movimento 5 Stelle, la Guardasigilli ricorda l’importanza dell’approvazione della riforma anche in ottica Pnrr e sottolinea che “prevede un ingresso graduale, c’è una norma transitoria, per consentire agli uffici che sono in maggiore difficoltà di attrezzarsi, di adeguarsi e di sfruttare l’occasione degli investimenti e anche della digitalizzazione per poter essere al passo con i tempi”. E prova a rassicurare i contrari e gli indecisi: “Il Governo è consapevole di quello che fa ed è il primo a non volere ciò che voi paventate ma che nessuno vuole che accada in questo Paese. Vogliamo affrontare il tema della durata dei processi, che è gravissimo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»