Ue, Salvini: “In arrivo fregatura grossa come una casa”

Secondo l'ex ministro dell'Interno la Lega "sarà il santo protettore degli italiani"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “In fondo al tunnel è in arrivo una fregatura grossa come una casa”. Così Matteo Salvini, in conferenza alla Camera, parlando di Recovery Fund.
“Sono soldi sulla carta e prestati- aggiunge- che arriveranno tra un anno e solo se si faranno riforme richieste dall’Europa su pensioni, lavoro giustizia, sanità e istruzione. Tradotto: ‘ti presto i soldi che mi dovrai rendere, se torni alla Fornero, e metti una patrimoniale su casa e risparmi’. Non serve scienziato per capirlo, come Lega vigileremo”.

LEGGI ANCHE: Accordo da 750 miliardi per il Recovery Fund, 390 saranno sovvenzioni

Sul Recovery Fund “e’ una resa senza condizioni, mani e piedi, alle scelte della Commissione. Dovremo restituire con versamenti annui che l’Italia versa all’UE. Non c’è nessun regalo per nessuno, è un prestito. Ogni anno l’Italia dà 15 e ottiene 10, quindi abbiamo -5 a fronte del bilancio europeo”.

“Voglio vedere con la Lega al governo, tra un annetto, quanto ci mettono a bloccare l’erogazione del prestito al primo barcone bloccato...”, adombra il leader della Lega.

“La Lega sarà cane da guardia, sarà santo protettore degli italiani e chiederà a Conte garanzie sul fatto che il prestito non sarà lacrime e sangue per gli italiani. Non c’è un rischio austerity, ma una certezza. Prestano soldi per danneggiare i lavoratori, che affarone”, ha concluso. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»