Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

L’area megalitica di Aosta sarà gratis ogni 24 giugno

area megalitica_Aosta
In occasione del quinto anniversario. visite guidate e musica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Alessandro Mano

AOSTA – Per celebrare ogni anno l’anniversario dell’apertura, avvenuta il 24 giugno 2016, la giunta regionale ha deciso che ogni anno, a partire dal quinto anniversario che cade giovedì, l’ingresso all’area megalitica di Saint-Martin-de-Corléans, ad Aosta, sia gratuito. Quest’anno, per celebrare il quinto anno di apertura sono previste nella giornata alcune visite guidate accompagnate dall’esecuzione in prima assoluta del brano “Saint-Martin-de-Corléans” composto per l’occasione dal maestro Giovanni Sollima, nell’ambito del progetto “Storie risonanti d’antiche pietre”.

Il brano sarà eseguito, sotto la guida del maestro Davide Benetti, dal sestetto della Sfom, la Scuola di formazione e orientamento musicale, composto da Marina Martianova e Massimiliano Gilli al violino, Fulvia Corazza alla viola, Claudia Ravetto al violoncello, Manuel Pramotton al sax e Lorenzo Guidolin alle percussioni, e dal quartetto Cantica Symphonia composto dalla soprano Elena Bertuzzi, dalla contralto Giulia Beatini, dal tenore Massimo Lombardi e dal basso Gabriele Lombardi. Le visite si terranno alle 16.15, alle 16.30, alle 18.15 e alle 18.30.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»