Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Camorra, amante della moglie di un detenuto condannato a morte: gli avevano già scavato la fossa

carabinieri
Prima che il delitto venisse eseguito però i cinque presunti responsabili del tentato omicidio sono stati fermati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Era stata una relazione extraconiugale con la moglie di un detenuto a decretare la sua condanna a morte. Ma prima che il delitto venisse eseguito i presunti responsabili del tentato omicidio sono stati fermati e successivamente raggiunti da provvedimenti applicativi di misure cautelari. Sono cinque le persone indagate dalla procura di Napoli per tentato omicidio. Si tratta di Antonio Abbinante, ritenuto il reggente dell’omonimo clan camorristico operante nell’area Nord di Napoli, del figlio Raffaele, di Antonio Esposito, Paolo Cipro e Salvatore Monriale. I primi quattro devono rispondere anche di associazione mafiosa, mentre per Monriale è stata al momento esclusa l’ipotesi di partecipazione alle attività proprie dell’organizzazione camorristica.

I cinque avrebbero organizzato l’omicidio in ogni minimo dettaglio: secondo il piano la vittima andava attratta con l’inganno in una zona situata nelle campagne tra Marano e Arzano, in provincia di Napoli, luogo dove era stata già scavata una fossa nella quale l’uomo, dopo essere stato ucciso, doveva essere seppellito perché nessuno potesse mai più ritrovare il suo corpo. La sua colpa era quella di essersi opposto al codice di comportamento della camorra, che senza dubbio vieta a una persona interna a contesti mafiosi di intrattenere relazioni con mogli di affiliati, detenuti o meno. Una regola disattesa in modo molto grave, una colpa che andava espiata con la morte. Il progetto di uccidere l’uomo sarebbe stato portato a compito se non fosse intervenuto il fermo, eseguito la scorsa settimana dagli uomini della squadra mobile di Napoli. In un video, infatti, si vedono gli esponenti del clan Abbinante usare una pala per scavare la fosse dove seppellire la vittima e ricoprirla in modo da poterla usare subito dopo l’omicidio per occultare il cadavere. L’uomo da uccidere era stato già convocato nelle campagne con una scusa, ma l’appuntamento non è mai avvenuto. Il gip di Napoli, pur non avendo convalidato il fermo, ha ritenuto di accogliere la richiesta di misura cautelare nei confronti dei cinque indagati. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»