Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, 2.407 contagi e 44 morti. Tasso di positività al 2%

dati coronavirus 20 settembre 2021
Secondo il bollettino odierno del ministero della Salute e della Protezione civile i ricoveri per coronavirus sono sostanzialmente stabili
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sono 2.407 i nuovi casi di coronavirus in Italia (ieri 3.838), mentre si registra il decesso di 44 persone (ieri 26). È quanto emerge dal bollettino odierno del ministero della Salute.

Dall’inizio dell’epidemia il numero di quanti hanno contratto il virus Sars-CoV-2, compresi guariti e deceduti, è pari a 4.638.516, mentre da febbraio 2020 si registrano 130.354 vittime. Sono invece 4.395.648 le persone guarite o dimesse, mentre gli attuali positivi sono in tutto 112.514, ossia 1.022 meno rispetto a ieri (+496 il giorno prima).

Per quanto riguarda i tamponi, se si considerano i molecolari e gli antigenici, quelli totali sono stati 122.441, ossia 141.130 in meno rispetto ai 263.571 di ieri. Sale al 2% (precisamente 1,96) il tasso di positività, mentre ieri era pari a 1,4%.

Sul fronte del sistema sanitario, i ricoveri risultano sostanzialmente stabili: ad oggi nei reparti generici e in terapia intensiva sono ricoverati 3.982 pazienti, 53 più rispetto a ieri. In terapia intensiva i posti letto occupati sono 530, ossia 7 in meno rispetto a ieri e con 21 nuovi ingressi in rianimazione (ieri 40).

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»