Zaia: “Ristoranti solo all’aperto? È un bel problema, si pensi a Venezia”

luca-zaia
Il governatore del Veneto incalza la polemica sulla decisione del Governo: "Non possiamo pensare che sia solo colpa del ristorante se la gente si infetta"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – Quello dei ristoratori senza spazio all’esterno per i dehors “è un problema che va risolto. Una valutazione la farei, non possiamo pensare che sia solo colpa del ristorante se la gente si infetta”. A dirlo è il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, che oggi in conferenza stampa torna sulla questione delle riaperture. “Abbiamo un sacco di ristoratori che non hanno il plateatico- sottolinea Zaia- ad esempio, pensare che a Venezia tutti possano avere il giardinetto per fare ristorazione è difficile“. E incalza: “Se il tema è ‘solo all’aperto’, allora tutti devono essere all’aperto. Non solo la ristorazione, ma anche le altre attività che prevedono assembramenti”. Tra l’altro, sottolinea il governatore, “i ristoranti sono normati con linee guida che prevedono il distanziamento”.

Zaia ricorda che “non siamo davanti a un lockdown“, ma di fronte al fatto “che il 90% delle imprese è aperto. Sono fermi bar, ristoranti, palestre, piscine e il mondo dello spettacolo, che son gli ultimi ad aprire”. Per questo, insiste Zaia, “una valutazione la farei, cosciente del fatto che il virus c’è. Ma non possiamo pensare che sia solo colpa del ristorante se la gente si infetta“. Nelle linee guida delle Regioni, ricorda tra l’altro il governatore veneto, era stata indicata una distanza di due metri tra i tavoli per la riapertura dei ristoranti e l’obbligo di aprire le finestre.

LEGGI ANCHE: Zaia: “Scuola in presenza al 100% con capienza dei mezzi al 50%? Impossibile”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»