fbpx

VIDEO | Colosimo (FdI): “Benvenuta Lega, ma Meloni ha in testa il candidato sindaco per Roma”

ROMA – Il prossimo candidato sindaco di Roma per la coalizione di centrodestra lo sceglierà Fratelli d’Italia. La consigliera di Fdi alla Regione Lazio, Chiara Colosimo, nel corso di un’intervista all’agenzia Dire, ha spiegato: “È impossibile che il nome del candidato sindaco del centrodestra non passi per l’avallo di Giorgia Meloni, che ha detto di avere un nome in testa, lo dirà nelle sedi opportune e lo concordera con gli alleati”.

Un messaggio chiaro a Matteo Salvini e alla Lega, ai quali Colosimo ribadisce l’imprescindibilità di poteri speciali e fondi per la Capitale. Musica che l’ex vicepremier gradisce poco anche se gli esponenti romani e regionali del partito la pensano diversamente: “In Consiglio regionale la Lega ha votato una mozione per i poteri e i fondi a Roma Capitale. La nostra posizione è inamovibile: non esiste al mondo una Capitale che venga equiparata alle altre città dello stesso Paese, per quanto importanti siano- ha spiegato Colosimo- E’ impossibile gestire Roma con gli stessi fondi dati a una città grande come la metà di un Municipio della Capitale. E, al netto dei fondi, una Capitale ha bisogno di avere poteri in più. Ai leghisti diciamo, benvenuti a Roma, siamo contenti che siete scesi fin qui, rendetevi conto che questa è una città eccezionale e servono poteri eccezionali”.

Fratelli d’Italia pensa a poteri speciali, Salvini a un ‘sindaco speciale’: “Giorgia Meloni ha detto che siamo per uno stato centrale forte e un federalismo spinto che va calato dalla Lega su Roma- ha proseguito Colosimo- Dipende da quello che vogliono fare in questa citta. A Salvini che viene a fare improvvisate a Roma dico ‘Noi ci siamo, ci siamo sempre stati, siamo molto radicati, conosciamo a menadito questo territorio e vogliamo sapere lui cosa pensa’. Questo sindaco speciale non credo sia un supereroe, avrebbe bisogno di FdI in ogni caso e avrà bisogno di poteri e statuto”. Che la Lega, almeno quella a livello nazionale, e Salvini non abbiano la Capitale in cima ai loro pensieri è testimoniato anche dall’assenza di fondi stanziati durante il governo giallo-verde: “Mi auguro che la Lega possa dimostrare di essere amica di Roma e dei romani come dice- ha concluso- E’ un po’ difficile candidarsi non essendo amici di questa città”.

RIFIUTI, ZINGARETTI AVREBBE GIÀ DOVUTO COMMISSARIARE RAGGI

“Il commissariamento della Raggi andava già fatto. Da un paio di anni assistiamo a un rimpallo di responsabilità imbarazzante. Da anni Roma e la città metropolitana giocano su questa questione di dove deve andare il sito (di discarica, ndr), ora si cerca di farlo commissariando la Raggi ma è una cosa che andava fatta prima”, ha detto la consigliera di FdI alla Regione Lazio nel corso dell’intervista all’Agenzia Dire. “Abbiamo letto di 100 e più allarmi sanitari ma la questione rifiuti è rimasta tale e quale. Ho perso il conto degli ultimatum che Zingaretti ha dato alla Raggi ho perso il conto. Questo gioco tra due esponenti politici che dovrebbero essere alleati nel governo nazionale fa sorridere amaramente i romani. La prospettiva, dunque, è andare verso una nuova discarica perché non siamo in grado di fare la differenziata? Nessuno sa cosa vuole fare- ha concluso Colosimo- Mi auguro che una decisione venga presa. Questa è una sconfitta sia di Zingaretti che della Raggi”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

19 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»