Renzi: “Il governo? Abbiamo tutto l’interesse che vada avanti”

"Questa cosa che uno fa nascere il Governo il 4 settembre e lo fa crollare il 24 non è nemmeno nei manuali di schizofrenia si trova", dice Matteo Renzi a Rtl 102.5
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Ovvio che abbiamo tutto l’interesse a mandare avanti il Governo, lo abbiamo fatto nascere. Perché questa cosa che uno fa nascere il Governo il 4 settembre e lo fa crollare il 24 non è nemmeno nei manuali di schizofrenia si trova. Quindi è evidente che noi abbiamo interesse che il Governo faccia le cose, che funzioni, noi diamo una mano, anzi ci sarà qualche voto in più nel Governo non in meno”. Lo dice Matteo Renzi, leader di Italia Viva, a Rtl 102.5.

“Io riparto da zero, mi metto in discussione, mi metto lo zaino da boyscout in spalla e mi rimetto a camminare, dopodiché per me sarebbe stato più comodo starmene buono in un angolino ma è l’Italia che ha bisogno di una cosa nuova e chiedo a tutti quelli che ci credono di venire a darci una mano a cominciare dalla Leopolda”. Mi piacerebbe, aggiunge, “ritrovare un po’ di buon senso ed è per questo che nei prossimi mesi, dopo la Leopolda, girerò molto in macchina, giro per le fabbriche, le aziende, le associazioni di volontariato, io mi rimetto in gioco.

Poi, su Matteo Salvini e la crisi di governo il senatore dice: “A me sembra che quello che sia accaduto in questa estate è roba da manicomio della politica per tutti perché Salvini ha fatto una follia della quale è il primo responsabile e anche la prima vittima. Ha pensato di piegare le istituzioni ai suoi interessi e tra un mojito e una cubista ha combinato il pasticcio che sappiamo. A quel punto eravamo a un bivio: o facevamo l’accordo con chi, ad esempio il Movimento Cinque Stelle, abbiamo sempre combattuto – e aggiungo che io continuo ad avere una distanza siderale e abissale dai Cinque Stelle – oppure andavamo a votare con il rischio di far aumentare l’IVA e di mandare l’Italia gambe all’aria”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

19 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»