Istat: “A marzo calo senza precedenti nel settore delle costruzioni: -36,2%”

Nella media del primo trimestre 2020, la produzione nelle costruzioni mostra una flessione del 6,8% rispetto al trimestre precedente
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – A marzo 2020 l’Istat stima che l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni diminuisca drasticamente, registrando un calo del 36,2% rispetto a febbraio 2020. Nella media del primo trimestre 2020, la produzione nelle costruzioni mostra una flessione del 6,8% rispetto al trimestre precedente. Su base annua, l’indice grezzo della produzione nelle costruzioni diminuisce del 33,1%, mentre l’indice corretto per gli effetti di calendario (i giorni lavorativi sono stati 22 contro i 21 di marzo 2019) cala del 35,4%. Si tratta di una “flessione senza precedenti” determinata dalle condizioni della domanda e dalle misure di contenimento dell’epidemia di COVID-19. In termini tendenziali l’indice corretto per gli effetti di calendario mostra una diminuzione che e’ la maggiore della serie storica disponibile (con inizio nel 1995), superando per entita’ la contrazione, gia’ consistente, registrata nel corso della crisi del 2008- 2009 e, successivamente, nel 2012-2013. Eccezionale anche la caduta dell’indice destagionalizzato in termini mensili.

LEGGI ANCHE: Industria, Istat: “Mai così male dal ’90, calo produzione senza precedenti”

Istat: “A marzo produzione industriale -28,4% su mese, -29,3% su 2019”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»